Verissimo, Asia Argento: “Bourdain? Il giorno prima di suicidarsi mi disse…”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 12 ottobre 2018 8:30 | Ultimo aggiornamento: 12 ottobre 2018 8:30
Asia Argento (foto Ansa)

Asia Argento (foto Ansa)

ROMA – Intervistata da “Verissimo”, Asia Argento si racconta:

 “A 16 anni ero già stata molestata su un set”. Al festival di Cannes era stata lei la prima a esporsi, con il suo durissimo discorso sul palco, contro il produttore cinematografico Harvey Weinstein. Poi c’era stato il suicidio del suo compagno, lo chef Anthony Bourdain, che ricorda così: “Mi ha lasciato un vuoto che nulla può colmare, questo dolore non va via mai”.

 Asia non si capacita di non aver percepito il malessere del suo uomo: “Pensavo di essere io quella depressa. Lui non ha pensato a nessuno in quel momento perché il suo dolore era immenso, ma io non l’avevo mai notato”. Il giorno prima di suicidarsi l’attrice e lo chef avevano parlato l’ultima volta. “Al telefono aveva una voce strana – racconta Asia – ma mi disse che aveva solo mangiato e bevuto un po’  troppo. Aveva scritto e detto in tv qualcosa sul suicidio, ma io credevo fosse solo un pensiero romantico”.

Rivedendosi su quel palco a Cannes, Asia dice di non pentirsi di aver detto quelle parole contro il produttore hollywoodiano ma aggiunge: “Il mio è stato un gesto kamikaze. Credo di aver dato fastidio ai potenti e ora sto pagando. E’ stato un momento molto forte della mia vita, ma – ammette – non ho più la forza di aiutare gli altri”. L’attrice dichiara di essere ancora dalla parte del movimento che si batte contro le molestie e le violenze nei confronti delle donne, ma pensa di “aver pagato più di tutti in questa battaglia”.

Le molestie subite da parte di Weinstein le hanno lasciato una ferita profonda negli anni anni. “Vado dall’analista da tanti anni – confida l’attrice -. Ho subito conseguenze nel mio rapporto con gli uomini, ho sofferto di ansia e di disturbi post traumatici”. Ma le molestie subite dal produttore cinematografico statunitense non sono state le prime e neppure le uniche per la Argento. “A 16 anni ero stata già molestata su un set – confessa Asia a Silvia Toffanin – andavo a lavorare da sola ed ero una preda più facile”.

Da qualche settimana però Asia è passata da accusatrice ad accusata, dopo che l’attore Jimmy Bennett ha raccontato di aver subito violenza da lei quando era ancora minorenne. “Solo una persona disperata può fare un gesto così schifoso come una lettera di ricatto – dice lei -, una cosa inventata di sana pianta per estorcere denaro al mio compagno”.