Beppe Grillo: “Basta padri e padroni, ridateci i soldoni”. Inno “urlato” del M5S

Pubblicato il 18 Gennaio 2013 9:30 | Ultimo aggiornamento: 18 Gennaio 2013 10:37

ROMA – ”Niente e nessuno la rete fermerà”. E’ il ritornello della canzone ‘L’urlo della Rete’, postata da Beppe Grillo sul suo blog, una sorta di inno del M5S per le elezioni. Musica e parole sono di Leonardo Metalli e Raffaello Di Pietro, un giornalista e un musicista, che l’hanno messa in rete su youtube lo scorso luglio.

”Basta padri né padroni, ridateci i soldoni, che noi sappiamo cosa farne – dice la canzone – né padri ne padrini, solo cittadini che vogliono cambiare, questo è il momento di rischiare, non si può più aspettare…”.