Sanremo: Claudio Bisio e il suo monologo “politico”, il video

Pubblicato il 17 Febbraio 2013 8:33 | Ultimo aggiornamento: 17 Febbraio 2013 17:04
Bisio a Sanremo

Claudio Bisio a Sanremo (Lapresse)

SANREMO – ”Finchè ci sono loro in questo paese non cambierà mai, dicono una cosa e ne fanno un’altra, non mantengono le promesse, sono incompetenti, bugiardi, inaffidabili, mandiamoli tutti a casa”. Claudio Bisio arriva per la prima volta a Sanremo e propone un monologo “politico”. ”Non parlavo degli eletti, ma degli elettori, stavo parlando di noi, degli italiani, perchè siamo noi i mandanti, noi che li abbiamo votati. Se li guardate bene è impressionante come ci assomigliano, sono come noi italiani, precisi sputati”.

Bisio ha esordito sottolineando la difficoltà di un monologo comico sul palco dell’Ariston, dove ”sono passati Gorbaciov che ha parlato della democrazia, Toto Cutugno che ha portato l’Armata Rossa, Belen che ha portato la farfallina: io potrei portare il biscione, il tatuaggino che ho sulla caviglia, dopo dieci anni a Mediaset è il minimo”.

In realtà, ha continuato, ”mi ha fregato Benigni, con il cavallo bianco, il tricolore, l’inno di Mameli, la Costituzione, ha alzato troppo livello, io sono cresciuto con Topolino”. Dopo aver chiesto il permesso al pubblico – memore delle contestazioni a Maurizio Crozza – ha affrontato il tema elezioni: ”Se andassero tutti a casa cambierebbe poco: non parlavo degli eletti, ma degli elettori, stavo parlando di noi, degli italiani”.

Poi giù con un affondo contro l’incoerenza e i luoghi comuni, ”di quelli che vanno al family day ma ci vanno con le famiglie, perchè sono cattolici. Ma se sei cattolico devi andare a messa, confessare i peccati, fare penitenze, il digiuno di venerdì. Divorziare è vietatissimo, se divorzi sono casini, con la C minuscola”, precisa.

”E se sei fascista allora devi invadere l’Abissinia, non devi passare per via Matteotti, devi dire che Mussolini, a parte le leggi razziali, ha fatto cose buone”. Il comunista, poi, deve ”mangiare bambini, poi andare a Berlino tirar su il muro, vedere solo film della Corea del nord”. Il moderato, invece, deve essere ”una medriocrissima via di mezzo”.

Bisio ne ha anche per l’onestà: ”Non puoi gridare governo ladro se non rilasci neanche uno scontrino. Ho visto ciechi accompagnare la moglie in macchina, chi si lamenta dell’immigrazione e affitta in nero ai gialli, danno sempre la colpa allo Stato, sempre e comunque anche se cade un meteorite e la moglie li tradisce”. E ancora sul voto di scambio: ”Nella recente inchiesta sulla ‘ndrangheta hanno venduto un voto per 50 euro, vendere un voto è come vendere l’anima. E l’anima si vende a caro prezzo. Faust gli avrebbe cagato in testa”.