VIDEO Youtube – Ultras Red Bulls vs New York City: rissa prima del derby

di Redazione Blitz
Pubblicato il 10 agosto 2015 19:07 | Ultimo aggiornamento: 10 agosto 2015 19:44
VIDEO Youtube - Ultras Red Bulls vs New York City: rissa prima del derby

Ultras Red Bulls vs New York City: rissa prima del derby

NEW YORK – Scontri fra ultras anche negli Stati Uniti, prima del derby di New York, quello fra i Red Bulls e il New York City Football Club di Andrea Pirlo. Poco prima del calcio di inizio, le tifoserie delle due squadre si sono scontrate, in scene atipiche per lo sport americano, ma comuni per il calcio europeo. Che la tensione fosse alta per il match era chiaro. Gli animi dei tifosi sono poi stati scaldati dall’alcol e dalla birra fuori dai cancelli del Red Bull Stadium, in New Jersey. Il lancio di una lattina di birra sarebbe stato il motivo che ha scatenato gli scontri, interrotti solo dall’intervento della polizia.

”Abbiamo dato agli americani il nostro calcio, e ora diamo loro anche la violenza” commenta ironicamente un ragazzo inglese presente sulla scena. Secondo indiscrezioni, erano diversi gli inglesi tifosi di calcio che hanno partecipato agli scontri. ”La tensione era alta da ore, quando i tifosi dei Red Bulls hanno iniziato a bere nei bar nelle vicinanze” ricostruisce un altro ragazzo presente. ”Uno dei tifosi ha lanciato una lattina di birra, e la violenza è scoppiata. Se non fosse stato per l’arrivo della polizia gli scontri sarebbero durati a lungo”.

Placati gli animi e tutti nello stadio, il derby è andato alla fine ai Red Bulls, che hanno vinto 2-0, con i gol di Bradley Wright-Phillips (21’pt) e Felipe Martins (30’st). Nonostante il trio della meraviglie – Andrea Pirlo, David Villa e Frank Lampard – il New York City Football Club non ha potuto nulla: si tratta della terza sconfitta stagionale inflitta alla squadra dai Red Bulls, imbattuto nelle ultime cinque gare.

Non sono neanche mancati gli sfottò: i tifosi del Red Bulls hanno infierito contro i ‘vecchietti’ della squadra rivale, i veterani Pirlo e Lampard, raffigurandoli su degli striscioni con il bastone e la scritta ‘New York City ospizio’. ”Sarò più in forma. E’ una settimana che mi alleno e non è abbastanza” afferma Lampard alla fine della partita. Soddisfatto l’allenatore dei Red Bulls, Jesse Marsch: ”Volevamo rendere difficile la vita” a Pirlo e Lampard, ”i giocatori l’hanno presa come una sfida personale” e ci sono riusciti, neutralizzandoli.