Bari ultras Curva Nord minacciano calciatori e società: “Innesteremo pericolosa spirale”

Pubblicato il 5 febbraio 2018 17:01 | Ultimo aggiornamento: 5 febbraio 2018 17:01
Bari ultras Curva Nord minacciano calciatori e società: "Innesteremo pericolosa spirale"

Foto archivio Ansa sui tifosi del Bari

BARI – Gli ultras della Curva Nord del Bari hanno perso la pazienza dopo lo scivolone della loro squadra del cuore contro il Venezia. Gli ultras hanno minacciato i calciatori del Bari con questo comunicato choc. Il testo è pubblicato da Repubblica.it.

“O il Bari torna a vincere o saremo costretti a innestare una pericolosa spirale che non si sa dove possa portare””Purtroppo i tre gol presi a Venezia ci spingono a inasprire la nostra linea, coerentemente con quanto detto a inizio stagione. Pertanto, calciatori, allenatore e dirigenza al completo, per la Curva Nord e per tutti i veri tifosi del Bari, sono tutti in discussione”.”D’ora in avanti oltre a seguire con ancora più vigore le vicissitudini della Fc Bari,
non vi sarà più perdonato nulla: la nostra pazienza è finita”.”Pertanto, diamo pochi giorni di tempo agli addetti ai lavori per ristabilire gli equilibri e riprendere a funzionare. In caso contrario, saremo costretti a proseguire con la linea dura di Venezia, innescando una pericolosa spirale che non si sa dove possa portare”.

La disfatta di Venezia

Con un ottimo primo tempo il Venezia centra la seconda vittoria consecutiva battendo 3-1 il Bari, che non rialza la testa dopo lo 0-4 interno con l’Empoli e rinvia ancora l’appuntamento con il ritorno alla vittoria (l’ultima il 16 dicembre a Perugia, poi tre pari e due sconfitte).

A sbloccare il match, la rete di Stulac da 25 metri al 22′, poi l’uno-due di Litteri, al 31′ di testa e al 36′ di destro dal limite dell’area piccola, sempre su sviluppi di corner. Il Bari prova a riaprire il match con Sabelli al 16′ della ripresa, con una volée dal limite dopo una traversa di Floro Flores su punizione, potendo poi sfruttare la superiorità numerica per l’espulsione di Litteri al 20′ (doppia ammonizione), con anche Inzaghi allontanato dalla panchina per proteste.

La sempre più schiacciante supremazia territoriale del Bari, però, produce solo un auto-palo di Modolo al 35′ per anticipare Galano.