Dialetti/ Umberto Bossi tradotto in Napoletano sul quotidiano “Il Mattino”

Pubblicato il 18 Agosto 2009 10:28 | Ultimo aggiornamento: 18 Agosto 2009 10:28

Umberto Bossi tradotto in napoletano. L’idea è del quotidiano partenopeo “Il Mattino” diretto da Virman Cusenza.

Scrive il giornale napoletano: «Umberto Bossi scandisce da giorni questa calda estate con gabbie salariali che dovrebbero aiutare il Sud, inni padani alternativi al polveroso Mameli, test in dialetto lumbard per prof un pò troppo meridionali. Ogni tanto condisce il tutto con sapide retromarce».

Per spiegare il pensiero del Senatur nella «più familiare lingua napoletana», il quotidiano si è affidato a un dialettologo di spessore, il  professor Nicola De Blasi, ordinario di Storia della Lingua Italiana all’università Federico II di Napoli.

E il docente ha tradotto le ultime dichiarazioni di Bossi sull’Inno di Mameli: «Quando cantammo l’inno nuosto, ‘o Và, penziero, tutte quante ‘o cantano pecchè ‘e pparole ‘e ssanno tutte quante, no comme a chillo italiano ca nun ‘o sape nisciuno».

Quindi, la riflessione del leader del Carroccio sui cambiamenti in corso nel paese: «Si tutto nu popolo, meliune e meliune ‘e perzune  sanno ‘o Va penziero e ‘o cantano cu piacere, vò ricere ca int’o core r’a gente sta cagnanno tutte cose, anze tutt’è cagnato già».