Messico, Ciudad Juarez è la città più pericolosa del mondo. Da evitare anche Caracas e New Orleans. Più omicidi a Baltimora che a Baghdad

Pubblicato il 27 Agosto 2009 11:33 | Ultimo aggiornamento: 27 Agosto 2009 11:33

Soldati messicani a Ciudad Juarez

Messico e Stati Uniti sono i Paesi più rappresentati nella classifica delle cento città più pericolose del mondo. L’elenco, stilato da una Organizzazione non governativa messicana, il «Citizen’s Council for Public Security», prende in esame il numero di omicidi per abitante.

Al primo posto della poco lusinghiera classifica c’è Ciudad Juarez, città messicana al confine con gli Usa, che, a causa delle guerre tra cartelli rivali di narcotrafficanti, “vanta”, nel 2008, 130 omicidi ogni 100.000 abitanti.

Subito dietro Caracas, la capitale venezuelana, con 96 omicidi e New Orleans, negli Usa, con 95.

Basta scendere dal podio per trovare un’altra città messicana, Tijuana, sempre al confine con gli Stati Uniti, che si classifica quarta con 73 omicidi ogni 100000 abitanti.

La fascia di confine tra Usa e il paese centramericano, quindi, si conferma l’area più pericolosa del pianeta a causa della guerra dei narcos che ha causato almeno 10.000 vittime dall’inizio del 2008.

Una curiosità: Baghdad, capitale di uno stato in guerra, è al decimo posto, meno pericolosa dell’apparentemente più pacifica Baltimora, con 40 omicidi ogni 100.000 abitanti contro i 45 della città della “east coast”.