Ambiente

Isola Réunion colpita dal ciclone Bejisa: onde alte 10 metri, venti a 150 km/h

Il ciclone visto dal satellite

Il ciclone visto dal satellite

ROMA – L’isola francese di Réunion che si trova nell’Oceano Indiano meridionale, è colpita, in queste ore, da Bejisa, il primo ciclone tropicale dell’anno nuovo. Si tratta del più forte degli ultimi 12 anni, con venti che soffiano tra i 120 e i 150 km/h, con una raffica che ha toccato anche i 200 km/h.

Per vedere le foto clicca qui 

Il tifone ha fatto registrare già otto feriti, tutte persone uscite di casa per effettuare qualche riparazione, di uno in modo grave. Almeno 100 mila residenti sono rimasti senza corrente elettrica a causa dei venti che hanno abbattuto le linee elettriche: in molti comuni dell’isola manca anche l’acqua corrente.

 La forza del tifone è devastante: nel pomeriggio del 2 gennaio, il forte vento ha provocato ondate alte 10 metri. Le autorità hanno posto tutta l’isola sotto il massimo livello di allarme e il sindaco del Comune di Saint-Leu ha chiesto l’evacuazione di parte dei 30 mila abitanti, quelli che risiedono più vicini al mare dove si sono registrate onde alte 10 metri.

Il picco dell’intensità è stato alle 20 (ora italiana) con l’occhio del ciclone, del diametro di 75 km , che ha toccato le coste dell’isola. Come spiega Meteo-France, un miglioramento è atteso solo per domani, venerdì 3 gennaio.

To Top