Meteo, dal 3 novembre piogge sul Nordovest: allerta in Piemonte e Liguria

di Redazione Blitz
Pubblicato il 2 novembre 2014 15:58 | Ultimo aggiornamento: 2 novembre 2014 15:58
Meteo, dal 3 novembre piogge sul Nordovest: rischio "bombe d’acqua"

Maltempo

ROMA – E’ prevista una settimana all’insegna del maltempo e della pioggia in Italia. Lo conferma in una nota il meteorologo di 3bmeteo.com Edoardo Ferrara, che spiega: “Una intensa perturbazione atlantica sta infatti raggiungendo Francia e Spagna, indebolendo l’alta pressione, e si tufferà sul Mediterraneo occidentale dando origine ad un vortice di bassa pressione sulle Baleari. Questa depressione si muoverà poi gradualmente verso il Mar di Sicilia e ci terrà compagnia per diversi giorni portando tempo molto instabile o perturbato”.

“Lunedì 3 novembre inizierà a peggiorare sul Nordovest con prime piogge mentre altrove prevarrà ancora il bel tempo pur con un graduale aumento delle nubi su Nordest e versanti tirrenici. Martedì 4 novembre il maltempo entrerà nel vivo sulle regioni nord occidentali con piogge anche intense in particolare tra Valle d’Aosta orientale, alto Piemonte ed in generale su tutta la Liguria. Attenzione perché anche le ultime emissioni modellistiche confermano accumuli molto significativi, con punte localmente di oltre 100-150mm in 24 ore (persino superiori tra Ponente ligure e Costa Azzurra ); situazione dunque potenzialmente a rischio sul fronte idrogeologico, aggravata dal fatto che nevicherà in montagna solo alle alte quote (mediamente oltre 1700-2000m ). Il tempo peggiora nel frattempo anche sulle zone centrali tirreniche e sul Nordest, con piogge in particolare a ridosso delle Prealpi ed in intensificazione a fine giornata anche sulle coste toscane e laziali”.

Proprio il possibile arrivo di nubifragi in Liguria ha fatto sì che l’Arpal (l’agenzia regionale per la protezione dell’ambiente ligure) abbia emesso un bollettino di avviso, il massimo livello di attenzione che l’agenzia di previsione può emanare, per la perturbazione che lunedì porterà inizialmente piogge diffuse generalmente deboli ma con possibili rovesci o temporali forti. Dalla serata, secondo Arpal i temporali forti potranno dare origine a celle temporalesche stazionarie, lo stesso fenomeno che ha generato l’alluvione del 10 ottobre. Per martedì Arpal conferma un marcato peggioramento sul centro-Ponente ligure.

“Da mercoledì 5 novembre il maltempo coinvolgerà in modo più diretto anche tirreniche, Isole Maggiori ed area jonica”, avverte Ferrara, “con rischio di forti temporali o locali nubifragi su Toscana e Lazio, in particolare sui settori costieri, nonché su Sardegna e Sicilia. Tra giovedì e venerdì sensibile peggioramento sul resto del Sud con intense piogge in particolare su Campania, Calabria jonica, Metaponto e Salento, anche qui con rischio di locali allagamenti o dissesti idrogeologici. Più riparato invece il medio versante adriatico, dove le precipitazioni risulteranno in genere deboli ed intermittenti.» «Il peggioramento sarà accompagnato da un sensibile rinforzo dello scirocco che soffierà gradualmente su tutti i nostri mari anche forte, con raffiche superiori ai 70-80km/h in particolare su Tirreno ed Isole Maggiori. I mari torneranno così ad essere molto mossi o agitati, con possibile acqua alta a Venezia entro mercoledì”.