Meghan Markle e il principe Harry: chi li ha presentati? Quando un amore è un caso politico…

di Sergio Carli
Pubblicato il 2 gennaio 2018 6:19 | Ultimo aggiornamento: 1 gennaio 2018 14:29
harry-meghan-markle

Meghan Markle e il principe Harry: chi li ha presentati? Quando un amore è un caso politico…

Il principe Harry d’Inghilterra e la fidanzata Megham Markle come e dove si sono conosciuti? Cominciamo il 2018 con uno dei misteri più trascurati dalla curiosità golosa dei lettori di fiabe viventi. Ci sono versioni contradditorie che scatenerebbero le lingue in un qualunque paese dell’entroterra, o anche tra le signore in coda dal macellaio o dal rosticcere. Altro che la scarpina persa fuggendo dal ballo a mezzanotte. Questa Cenerentola è una diva della tv, frequenta locali alla moda e il suo principe indossa sì l’uniforme, ma la mimetica delle truppe speciali e la tuta degli elicotteristi.

Lecito informarsi e chiedere? Grazie a Dio l’Italia è una repubbliica e così è nella maggior parte del mondo. Le vicende della famiglia reale inglese hanno appassionato però il pubblico italiano almeno dalla fine della guerra. Il vagabondare del duca di Windsor in esilio. Lo strazio del cuore della principessa Margaret. Sono storie che hanno lasciato il segno nella memoria dei più anziani. Hanno anche contribuito al boom dei rotocalchi negli anni ’50 e ’60.

Naturalmente ce l’hanno raccontata come hanno voluto. Solo dopo mezzo secolo si è saputo che l’infelice duca, già re Edoardo VIII, aveva rinunciato al trono per amore sì, ma per amore di una spia e agente segreto di Hitler. Che fosse divorziata fu una aggravante, la sostanza era nei dossier dei servizi segreti. Per fortuna degli inglese erano servizi, come si dice da noi, deviati al punto da spiare anche il re (come anni dopo spiarono il principe ereditario Carlo e la inquieta e inquietante moglie Diana). Così scoprirono che Hitler considerava il duca una riserva. Lo teneva in panchina, pronto a insediarlo sul trono inglese, qualora fosse riuscito a invadere e conquistare la Gran Bretagna.

La cosa bizzarra è che gli inglesi, la cui Chiesa anglicana nacque per il divorzio negato dal Papa a Enrico VIII, erano così sensibili al divorzio. Divorziata era Wallis Simpson, moglie del duca di Windsor; divorziato era Peter Townsend. Entrambi soffrivano anche di un morbo inaccettabile a Corte: non erano nobili.

Ora tutto sembra cambiato. Carlo, futuro re, ha sposato la sua Camilla, divorziata. E il figlio di Carlo e Diana, Harry, ha detto di volere sposare Meghan, non solo divorziata, ma anche mezza nera. Per gli inglesi questo è peggio che tedesca o ebrea o italiana o altra etnia mediterranea. Si potrebbe riferire una ricca serie di esempi di razzismo inglese. Ma, con buona pace di tanti di voi, il razzismo è un modo di definizione di identità. Infatti l’America e il Canada, dove la razza è politica, hanno più chances dell’ Europa. Così è in Cima, se si va oltre l’ipocrisia comunista. Così era nell’Unione Sovietica. ANdo a finir male perché erano i russi che consideravano le altre etnie schiavi da colonizzare e non elementi dinamici di una realtà variegata.

Per tutto questo, la vicenda di HArry e Meghan incuriosisce un po’.  Ecco alcune versioni a confronto:

1 Meghan ha incontrato per la prima volta Harry nel maggio 2016 a Toronto, dove si gira Suits, la serie tv in cui recita la futura principessa. A Toronto si trovava anche il principe Harry per promuovere l’edizione 2017 degli Invictus Games.

Secondo Us Weekly, citato da Popsugar,  “hanno subito simpatizzato, ma solo come amici”. In un secondo tempo “hanno sviluppato un interesse romantico l’uno per l’altra e hanno cominciato a scambiarsi sms tutti i giorni”. Alla fine di maggio, Meghan aveva iniziato a seguire l’account privato di Harry.

2 Meghan Markle e il principe Harry si sono incontrati la prima volta nel luglio 2016 a Londra. A farli conoscere è stato Markus Anderson, consulente del Soho Club, un circolo molto esclusivo che offre relax e servizi, albergo incluso, ai ricchi del pianeta. Fondato a Londra nel 1995, ha sedi in varie parti del mondo, inclusa Toronto, dove Anderson e la Markle vivono. Anderson è un personaggio straordinario: ha iniziato a lavorare al Soho Club come cameriere e ora, a 40 anni, è uno dei suoi massimi dirigenti. Viaggia spesso con Meghan Markle qua e la nel mondo. Nell’occasione, i due erano in giro in Europa. Nel settembre 2017, quando ormai la storia con Harry era di dominio pubblico, Markus  Anderson fu il suo accompagnatore ufficiale agli Invictus Games.

3 A farli incontrare è stata la stilista Misha Nonoo, nota per una camicia bianca da donna che costa 185 dollari e va sotto il nome di “husband shirt”, camicia marito. Misha Nonoo è  grande amica di Meghan e anche la ex moglie di Alexander Gilkes, co fondatore della casa d’aste on line Paddle8 e soprattutto uno dei più intimi amici di Harry. A alimentare i sospetti è stata la stessa Meghan. In una intervista con la Bbc ha parlato di una “lei” che li ha fatti incontrare. Un lapsus rivelatore?

http://people.com/royals/prince-harry-met-meghan-markle-blind-date/

4 People, rivista americana di celebrities, ha scritto di un “blind date”, un appuntamento alla cieca, arrangiato da “un comune amico” (o amica: friend vale al maschile e a femminie”). Il “blind date” sfiora il territorio dei siti di incontri e è molto usuale fra i giovani e giovanissimi. La rivelazione ha come fonte lo stesso Harry.  “L’appuntamento è stato combinato, p stato un blind date senza dubbio”, ha detto.

“It was definitely a set-up — it was a blind date,” Harry said during the couple’s revealing interview on Monday. “It was a blind date for sure.”

Dopo quel primo incontro, altri due ne sono seguiti. “Poii, tre forse quattro settimane dopo l’ho convinta a raggiungermi in Botswana. Lei è venuta e siamo stati assieme cinque giorni, accampati sotto le stelle, una cosa assolutamente fantastica. Eravamo praticamente soli, cosa che è cruciale per me per potersi conoscere bene”.

Conferma Meghan: “Quella pruma volta abbiamo bevuto qualcosa e subito dopo ci siamo detti: cosa facciamo domani? Dovremmo vederci ancora”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other