Vanzina, “Lockdown all’italiana”, il film. Ma c’è da ridere?

di Redazione Blitz
Pubblicato il 18 Settembre 2020 12:13 | Ultimo aggiornamento: 18 Settembre 2020 12:14
Vanzina, Lockdown all'italiana

Vanzina, Lockdown all’italiana: ridere su una tragedia, social scatenati (dal profilo twitter)

La promozione su Twitter di Medusa film doveva andare diversamente, il profilo della casa di produzione è stato subissato di commenti negativi quando non di insulti.

Sui social, il film di Enrico Vanzina, “Lockdown all’italiana” ha sbagliato tempi, troppo presto, troppo cinico. Cosa ci sarebbe da ridere?

Voleva essere un instant movie, una presa diretta, un morso di realtà ancora calda. Gli hanno dato dell’opportunista.

Vanzina, Lockdown all’italiana. Su Twitter: “Fatevi schifo”

“In effetti non bastavano più di 35 mila morti”, “E niente, fatevi schifo”, i commenti condannano il regista senza appello.

In effetti, sarebbe il primo film con una regia firmata Enrico Vanzina, re indiscusso con il fratello Carlo, morto un paio di anni fa, della commedia italiana moderna, cinepanettoni et similia.

I più indignati, e anche più moralisti, hanno postato foto di medici e infermieri, sottolineando una differenza di stile quasi antropologica. Poco visibile tuttavia quando si legge: “35.645 morti ufficiali. Vi si devono mangiare i cani”.

Il film uscirà nelle sale il 15 ottobre

“Ennesima cialtronata” lo liquida qualcuno. Tra i protagonisti ci sono Ezio Greggio, Ricky Memphis, Paola Minaccioni e Martina Stella.

Far ridere sulle tragedie si può? Da Chaplin a Benigni, diremmo di sì. Forse non è utile un processo alle intenzioni, lo scivolamento obbligato al giudizio etico.

La censura social non può che essere categorica, manichea per natura. A maggior ragione preventiva. Tanto più se scegli un titolo che ruba alla cronaca ammiccando al presente. Il lockdown degradato a tormentone.

C’è chi ha già bocciato le performance degli attori.

“Martina Stella a 40 anni ancora si fa pagare per fare la ragazzina con ormoni adolescenziali, Ezio Greggio che a 100 anni ancora pensa di far ridere facendo la parte del vecchio che se la fa con la ragazzina I film italiani che rovinano il cinema italiano. #LockdownAllItaliana”.

Magari farà incassi record. E provocherà un secondo lockdown. Lockdown all’italiana 2? (fonte Twitter)