Attentati di Parigi, false notizie e false foto, 9 esempi

di Francesca Cavaliere
Pubblicato il 16 Novembre 2015 6:11 | Ultimo aggiornamento: 16 Novembre 2015 9:06
Attentati di Parigi, false notizie e false foto, 9 esempi

Performance degli Eagles of death metal al teatro Olympia di Dublino il 12 novembre 2015. La foto e’stata spacciata in rete per una scattata al Bataclan prima della strage

ROMA – Un turbine di false notizie e anche false fotografie è in circolazione sul web nelle ore subito sopo i sette attacchi terroristici a Parigi del 13 novembre 2015 in cui hanno perso la vita almeno 132 persone uccise da 8 terroristi, di cui 7 morti anche loro.

Il giornale francese Le Monde ne ha raccolto una selezione da Twitter e da altre fonti on line e le ha volute mettere in evidenza.

Il governo francese ha anche messo in guardia contro la diffusione di queste voci e  ha pubblicato il #MSGU, una guida pratica dei Social Media nella gestione delle emergenze.

Come commenta Le Monde:

“Mantenere la psicosi, il brusio, diffondere false informazioni per incitare all’odio … Le foto fuorvianti che hanno iniziato a circolare dopo gli attentati di Parigi hanno mostrato ancora una volta quanto alcuni  internauti approfittino della commozione collettiva per manipolare le immagini per  fini poco raccomandabili, senza che coloro i quali le condividono si possano accorgere dell’inganno”.

Ecco alcuni esempi di falsi raccolti sabato 14 novembre dal giornale Le Monde su Twitter

1 Non è esatto che quattro poliziotti siano stati uccisi. Le forze di polizia hanno avuto morti e feriti, ma si tratta di un morto e due feriti.

Nella notte tra il 13 e il 14 novembre diversi mezzi d’informazione hanno diffuso la notizia che quattro agenti erano stati uccisi mentre cercavano  di neutralizzare i terroristi al teatro Bataclan.

Secondo Le Monde in realtà solo un poliziotto sarebbe rimasto ferito ma nessuno di loro avrebbe perso la vita.

È rimasto ucciso però un poliziotto fuori servizio, che indossava abiti civili, in rue de Charonne, dove un terrorista ha aperto il fuoco contro la terrazza del caffè La Belle Equipe.

Inoltre è stato ferito un commissario di polizia che si trovava al teatro Bataclan per assistere al concerto degli Eagles of Death Metal.

2 È falso che ci siano state sparatorie a Les Halles, Belleville e a Place de la République che invece ci sono state in luoghi vicini.

Riporta Le Monde

“Non abbiamo nessuna conferma riguardo a colpi di fucile o a vittime a les Halles, a Belleville, al Trocadéro o a Place de la République”.

Durante gli attacchi terroristici, avvenuti in sette luoghi diversi, i colpi di fucile ci sono stati al Bataclan, alla terrazza di due ristoranti vicini a Place de la République, in rue de Charonne e alla terrazza di un altro caffè nei pressi di place de la Nation, luoghi abbastanza vicini a les Halles, a Belleville, al Trocadéro e a Place de la République.

3 È falso che ci sia stata una manifestazione di solidarietà in Germania

Un utente di Twitter, riporta Le Monde, ha notato che la foto che circolava in rete e che descriveva una manifestazione in Germania all’indomani degli attentati di Parigi del 13 novembre, corrisponde in realtà ad una manifestazione del movimento anti-immigrazione Pegida (Patriottici europei contro l’islamizzazione dell’occidente).

4 È falsa la foto che mostra il Bataclan prima della strage

La foto che ritrae gli Eagles of Death Metal, la band che stava suonando al Bataclan la sera del 13 novembre, secondo lo stesso gruppo che ha pubblicato la foto giovedì 12 novembre, è stata scattata all’Olympia di Dublino il 12 novembre. Il teatro che si vede nella foto quindi non è il Bataclan.

5 È falso che ci sia stato un intervento della polizia a Strasburgo

Le Monde ha commentato la falsità dell’informazione come un modo per accentuare il brusio a margine di una tragedia nazionale. Il tweet citato da un noto account che si chiama Masculiste fa riferimento al 31 ottobre, ma neanche il 31 ottobre ci sono stati interventi della polizia a Strasburgo. L’informazione, circolata su Twitter è quindi  falsa.

6 È falso che l’Empire State Building si sia colorato di blu bianco e rosso per omaggio alle vittime della tragedia del 13 novembre. 

Lo ha scritto su Twitter Jean-Bernard Cadler, corrispondente di BFM negli Stati Uniti :

“Contrariamente a quel che leggo e fino a ora almeno l’Empire State Building NON è bianco rosso e blu”.

Ad essersi colorata di blu, bianco e rosso, ma qualche mese fa, e quindi senza nessun legame con gli attentati di Parigi, è stata invece la Freedom Tower del nuovo World Trade.

7 È falso che la torre Eiffel sia stata spenta in segno di lutto

La torre Eiffel si illumina tutte le sere e scintilla normalmente una volta ogni ora per poi essere spenta all’una di notte, come è avvenuto la notte tra il 13 ed il 14 novembre.

Non si è trattato quindi di un omaggio alle vittime ma di normale routine.

8 È falso che l’incendio nell’accampamento dei migranti a Calais sia stato di origine dolosa

La notizia dell’incendio avvenuto a Calais nella notte tra il 13 e il 14 novembre nel luogo dove si trovano i migranti era stata riportata dal giornale La Voix du Nord.

Il vice prefetto della città ha assicurato che si è trattato di un incendio “chiaramente accidentale”.

Come commenta The Guardian su Twitter, le immagini postate da diversi utenti si riferivano invece a un incidente del 2 novembre causato dallo scoppio di una bombola di gas.

9 È falso che il sito Jeuxvideo.com abbia annunciato l’attentato qualche giorno  fa

Il messaggio “profetico” è vecchio di oltre un anno; è stato soppresso dal forum, ma esiste in copia cache su Google. Parla di una serie di attentati che ci saranno a partire dal 13 novembre, ma, a parte la coincidenza delle date, il messaggio su Jeuxvideo.com  risale al 26 settembre del 2014, ore 18:19:58 , quindi fare dei collegamenti a un anno di distanza è abbastanza azzardato.