Mamma uccide figlia di 2 anni: “Io condannata perché il giudice ha interrotto l’avvocato…”

di redazione Blitz
Pubblicato il 1 dicembre 2016 19:37 | Ultimo aggiornamento: 1 dicembre 2016 19:37
Mamma uccide figlia di 2 anni: "Io condannata perché il giudice ha interrotto l'avvocato..."

Mamma uccide figlia di 2 anni: “Io condannata perché il giudice ha interrotto l’avvocato…”

LONDRA – “Il giudice ha interrotto troppe volte il mio avvocato e la giuria si è confusa”. Kathryn Smith, la donna condannata per aver picchiato brutalmente la figlia Ayeeshia di appena 21 mesi fino ad ucciderla, ha addotto questa motivazione alla sua richiesta di scarcerazione. La Smith, le cui prove nei suoi confronti erano schiaccianti, dopo essere entrata in carcere è stata picchiata dalle altre detenute e ora chiede di uscire, spiegando che le continue interruzioni del giudice al suo avvocato avrebbero “confuso la giuria” e il suo difensore non sarebbe riuscito a spiegare bene i fatti.

La mamma dunque continua a dichiararsi innocente, spiega il tabloid inglese The Sun, sostenendo che la condanna a 20 anni di carcere per l’omicidio della figlioletta è ingiusta. Per la giuria invece le immagina della bambina, brutalmente picchiata fino a causarle un arresto cardiaco, hanno parlato chiaro. La piccola presentava diverse fratture calcificate ad appena 20 mesi di vita e tre costole rotte.

Nonostante le prove ritenute schiaccianti, la Smith dopo essere entrata in carcere è stata oggetto di pestaggi da parte delle altre detenute, che hanno vendicato la bimba, e ora chiede che il suo caso venga riaperto e di essere assorta. Interrompendo troppe volte l’avvocato che la difendeva, dice, la giuri è stata indotta a credere che fosse colpevole. Una richiesta, la sua, che molto difficilmente sarà accolta.