A 90 anni vuol sposare la badante giovane della moglie deceduta: ha i parenti contro ma il giudice dalla sua

di redazione cronaca
Pubblicato il 3 Aprile 2024 - 07:55
90 anni sposa badante parenti

Foto Ansa

Quasi novantenne, vedovo, ha deciso di sposare la donna che aveva assistito la moglie durante la malattia e la sua famiglia ha contestato la regolarità dell’unione perché l’uomo “è sordo” e “non ha detto nulla”.

Ma per la prima sezione del tribunale civile di Perugia questi motivi non sono validi e, se l’anziano vuole, può procedere al matrimonio. La notizia è sul Messaggero che riporta il decreto relativo a un procedimento discusso a gennaio e pubblicato sul Notiziario della Corte d’appello di Perugia.

Il caso è stato sollevato dalle sorelle e dai nipoti dell’anziano intenzionato a sposare una donna molto più giovane, conosciuta dopo essere entrata in casa e in famiglia perché impegnata ad assistere la moglie dell’uomo, malata e poi defunta. E il non averlo comunicato ai parenti fino alla pubblicazione delle partecipazioni, ha convinto i parenti dell’anziano che la scelta del silenzio “fosse – si riassume nel Notiziario – un escamotage della donna per raggiungere scopi personali non contemplati dal vincolo coniugale”.

Secondo il tribunale civile però l’opposizione al matrimonio può essere fatta “per qualunque causa che osti alla sua celebrazione”. Quindi, per insussistenza delle condizioni necessarie per contrarre matrimonio elencate dagli articoli dall’84 all’89 del codice civile: minore età, infermità di mente, parentela stretta tra i futuri coniugi o vincolo matrimoniale ancora valido.

Nessuna, quindi, delle motivazioni addotte dalla famiglia: “non rileva, infatti, la circostanza della mancata preventiva comunicazione ai parenti da parte del loro congiunto dell’intenzione di contrarre matrimonio, rientrando tale scelta nell’ambito dei profili comportamentali della persona”. L’anziano – si legge ancora sul Messaggero – si è poi presentato davanti al giudice ed “è apparso perfettamente consapevole della propria decisione e delle conseguenze patrimoniali che tale scelta ha nell’ambito della famiglia”.