Alex Giarrizzo: “Un zingaro ha rapito mio figlio”. Ma s’era inventato tutto

di Redazione Blitz
Pubblicato il 29 settembre 2014 20:45 | Ultimo aggiornamento: 29 settembre 2014 20:46
Alex Giarrizzo: "Un zingaro ha rapito mio figlio". Ma s'era inventato tutto

Alex Giarrizzo: “Un zingaro ha rapito mio figlio”. Ma s’era inventato tutto

TORINO – Aveva raccontato alla polizia che uno “zingaro” gli aveva rapito il figlio, portandoselo via a bordo di un’auto grigia. Aveva detto di avergli anche sferrato due pugni, invano. Ma Alex Giarrizzo, operaio di 31 anni di Borgaro (Torino), si era inventato tutto. Mentre era alla Fiera dei santi Cosma e Damiano aveva perso il figlioletto di tre anni. Temeva che se avesse raccontato la verità agli inquirenti questi avrebbero persino potuto togliergli il figlio. Così ha pensato di inventarsi un sequestro. 

A smentire il suo racconto c’erano i filmati delle telecamere in via Santa Cristina a Borgoraro. L’uomo è stato interrogato per ore, e alla fine ha ceduto e ha confessato come era andata veramente.

Una vicenda simile a quella accaduta sempre a Torino, alla Continassa, quando una ragazzina per giustificare con i propri genitori la fuga con il fidanzato aveva detto di essere stata violentata da alcuni rom. Da lì era scattata una caccia al mostro con l’assalto al campo nomadi della zona.