Baby squillo dei Parioli: “Mamma pensava che spacciassi e prendeva i soldi”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 7 Novembre 2013 10:51 | Ultimo aggiornamento: 7 Novembre 2013 10:52

baby-squilloROMA – La mamma di “Manuela”, nome di fantasia per la più piccola delle due baby squillo dei Parioli, pensava che la figlia spacciasse. E prendeva i soldi. E’ la “difesa” sostenuta dalla donna finita in carcere, è la stessa cosa che dice sua figlia ai magistrati, come si legge dai verbali. Una mamma che sospetta  e poi denuncia, quella di Serena, un’altra che sospetta, forse capisce, intanto tace e intasca. Con lo spaccio di cocaina considerato da madre e figlia come attenuante, come giustificazione. Pensava “solo” che spacciasse, la figlia, non che si vendesse. Avrebbe denunciato o fatto qualcosa, questa mamma, se avesse conosciuto il reale dopo scuola della figlia?

Ecco cosa racconta Serena a proposito della mamma dell’amica:

«Una volta ci chiese come mai avessimo tutti questi soldi e noi rispondemmo che “spacciavamo”. Lei disse che “se ci beccavano ci si bevevano”. Penso che entrambe abbiano pensato che ci prostituivamo perché non potevamo avere tutti quei soldi spacciando, perché chi spaccia ha sopra di sé qualcuno».

Chi spaccia ha sopra qualcuno e quindi i soldi deve dividerli, spiega Serena ai magistrati, anche se lei stessa, a sua volta, aveva sopra qualcuno con cui dividere i guadagni. Manuela, la piccola, sembra difendere la mamma:

«Mamma pensava che spacciavo, non mi sentivo di dirle che mi prostituivo. Mamma non mi chiedeva di aiutarla, ma io, con quei soldi che guadagnavo, cercavo di aiutarla in casa. Quando le davo i soldi, la mamma li prendeva anche se pensava non fosse giusto, ma lei pensava che io spacciavo e comunque mi rimproverava e mi diceva che non me li ero guadagnati»