Bologna: Andrea Agostini ridotto allo stato laicale. L’ex sacerdote è stato condannato per pedofilia

Pubblicato il 15 Giugno 2010 13:14 | Ultimo aggiornamento: 15 Giugno 2010 13:14

Espulso dalla Chiesa. Andrea Agostini, 68 anni, già condannato per pedofilia dal Tribunale di Ferrara, è stato ridotto allo stato laicale da Benedetto XVI. La notizia è stata data da Bologna Sette, l’inserto domenicale di Avvenire. Il sacerdote era direttore e insegnante dell’asilo all’interno della sua parrocchia. Tra il 2003 e il 2004, un’educatrice aveva notato qualcosa di storto all’interno della struttura e aveva denunciato il sacerdote alla Polizia. Si era così scoperto che il sacerdote molestava sessualmente un gruppo di bambine e che già in precedenza alcune maestre avevano tentato inutilmente di avvisare i superiori del sacerdote. Al processo, Andrea Agostini è stato condannato a 6 anni di reclusione e a pagare il risarcimento alle vittime, fissato in 28 mila euro.

Già nel 2005, l’ex religioso venne sospeso a divinis in via cautelare. In seguito, nel dicembre del 2008, si è aperto nei suoi confronti il processo canonico. Il 22 gennaio scorso la Santa Sede ha emesso il provvedimento di riduzione allo stato laicale. Il 4 marzo, il cardinale Carlo Caffarra, arcivescovo di Bologna, ha ricevuto la notifica della Santa Sede e ha così estromesso Andrea Agostini dal sacerdozio. Il movimento Rete Laica non è d’accordo con questa decisione. In una nota hanno infatti dichiarato: «La sospensione di don Agostini è tardiva e insufficiente. Il cardinale Caffarra deve delle scuse alle famiglie delle bambine vittime».