Brescia: Pier Angelo Bornati morto. E in casa cocaina…

di Redazione Blitz
Pubblicato il 7 Dicembre 2015 19:49 | Ultimo aggiornamento: 7 Dicembre 2015 19:49
Brescia: Pier Angelo Bornati morto. E in casa cocaina...

Brescia: Pier Angelo Bornati morto. E in casa cocaina… (foto Ansa)

BRESCIA – Giallo a Brescia attorno al ritrovamento del cadavere di un uomo, Pier Angelo Bornati, 45 anni, trovato senza vita attorno all’ora di pranzo nell’abitazione dove viveva con la moglie di origini russe, Olga Zaytseva, e il figlio maggiorenne che la donna aveva avuto da una precedente relazione. La vittima è stata trovata nella camera da letto con una vistosa ferita al capo, ma gli inquirenti non hanno ancora stabilito se sia trattato di omicidio. Non è escluso che possa essere morto dopo un malore in casa.

E’ stato trovato in un campo nei pressi dell’abitazione un bastone sequestrato dalle forze dell’ordine sul quale non risultano esserci macchie di sangue anche se le ferite sul capo della vittima sarebbero compatibili. Ora è prevista l’autopsia all’istituto di medicina legale degli Ospedali civili di Brescia disposta dal sostituto procuratore Valeria Bolici, titolare dell’inchiesta. In casa è stata anche trovata della cocaina; pare che la vittima ne facesse uso. Spesso abusava anche di alcol come hanno raccontato i vicini di casa e come spiegato dalla moglie che per ore è stata ascoltata in Questura a Brescia. Sentito anche il figlio della donna che ha raccontato di aver assistito spesso a litigi tra la madre e il patrigno.

A dare l’allarme sono stati alcuni vicini di casa dopo che per ore hanno sentito il rumore dell’acqua scendere da un rubinetto aperto e che hanno chiamato vigili del fuoco e Polizia. Quando gli agenti della Squadra mobile sono entrati nell’appartamento al secondo piano dello stabile hanno trovato il corpo di Bornati. La coppia era sposata da tre anni, ma negli ultimi mesi pare che vivessero una crisi profonda.

Da un mese e mezzo con loro abitava anche il figlio della donna alle prese in passato con problemi psichiatrici. Bornati e la moglie gestivano un’enoteca al Villaggio Sereno, nel Bresciano, che però ultimamente sarebbe stata la madre della donna a portare avanti visti i continui litigi dei coniugi. Solo un mese fa la Polizia era intervenuta all’esterno dell’abitazione dove oggi l’uomo è stato trovato morto, dopo che Bornati era tornato a casa ubriaco, facendo scattare l’ira della moglie. Da due anni la coppia viveva nell’ appartamento che ora è sotto sequestro.