Briatore ricoverato, le sue condizioni: “E’ stabile, leggera febbre e spossatezza”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 25 Agosto 2020 16:11 | Ultimo aggiornamento: 26 Agosto 2020 8:27
Briatore ricoverato per coronavirus

Briatore ricoverato per coronavirus, le sue condizioni: “E’ stabile, leggera febbre e spossatezza” (foto ANSA)

Le condizioni di Flavio Briatore, positivo al Coronavirus, sono “stabili e buone”. Lo ha comunicato lo staff dell’imprenditore con una nota.

Briatore “domenica sera, accusando leggera febbre e sintomi di spossatezza , si è recato all’Ospedale San Raffaele per un controllo”. Risultato positivo è ora ricoverato nella struttura milanese.

“Le condizioni di Flavio Briatore sono assolutamente stabili e buone e lo stesso tiene a ringraziare per le tante manifestazioni di affetto e interesse alla sua salute ricevute in queste ore”.

È questo quanto emerge da una nota dello staff dell’imprenditore 70enne. “Il presente comunicato per informare che Flavio Briatore domenica sera, accusando leggera febbre e sintomi di spossatezza , si è recato all’Ospedale San Raffaele per un controllo. L’imprenditore è stato ricoverato, è stato sottoposto a un check up generale e resta sotto controllo medico”, spiega la nota.

Billionaire, oltre 60 positivi

Intanto salgono a 63 i casi postivi al Covid-19 accertati tra lo staff del Billionaire di Porto Cervo, su un totale 90 tamponi effettuati.

I dati non sono definitivi e potrebbero subire qualche modifica, come spiega il responsabile dell’Unità di crisi del nord Sardegna, Marcello Acciaro: “Nel blocco dei dati che comprendono i tamponi eseguiti al Billionaire sono inclusi i controlli su un gruppo di persone di San Teodoro. Stiamo facendo ulteriori verifiche per cui il numero definitivo è suscettibile di lievi variazioni”.

Il locale di Flavio Briatore, anche lui positivo e ricoverato al San Raffaele di Milano, è chiuso dal 17 agosto per decisione dell’imprenditore in risposta alle misure restrittive adottate dal Governo nazionale e dal sindaco di Arzachena per limitare i contagi da coronavirus. (fonte ANSA)