Codogno e Castiglione d’Adda in isolamento: paesi in quarantena per Coronavirus

di Redazione Blitz
Pubblicato il 21 Febbraio 2020 - 11:04 OLTRE 6 MESI FA
Coronavirus, Ansa

Codogno e Castiglione d’Adda come Wuhan: paesi in quarantena per Coronavirus (foto Ansa)

ROMA – Codogno e Castiglione d’Adda in isolamento. I due paesi adesso sono in quarantena per il coronavirus.

“Si invitano tutti i cittadini di Castiglione d’Adda e di Codogno – dice l’assessore al Welfare della Lombardia Giulio Gallera, dopo i casi di Coronavirus nel lodigiano – a scopo precauzionale, a rimanere in ambito domiciliare e ad evitare contatti sociali”.

“Per coloro che riscontrino sintomi influenzali o problemi respiratori – ha aggiunto Gallera – l’indicazione perentoria è di non recarsi in pronto soccorso ma di contattare direttamente il numero 112 che valuterà ogni singola situazione e attiverà percorsi specifici per il trasporto nelle strutture sanitarie preposte oppure ad eseguire eventualmente i test necessari a domicilio”.

“E’ attiva da ieri sera – ha spiegato l’assessore – una task force regionale che sta operando in stretto contatto con il Ministero della Salute e con la Protezione Civile. La maggior parte dei contatti delle persone risultate positive al Coronavirus è stata individuata e sottoposta agli accertamenti e alle misure necessarie”.

La nuova ordinanza del ministro della Salute.

Dopo la riunione del comitato tecnico scientifico che ha vagliato le segnalazioni di nuovi casi di Coronavirus, il Ministro della Salute Speranza ha provveduto ad emanare nuova ordinanza. Secondo quanto apprende l’Ansa l’ordinnza prevede misure di isolamento in quarantena obbligatorio per i contatti stretti con un caso risultato positivo. Dispone la sorveglianza attiva con “permanenza domiciliare fiduciaria per chi è stato in aree a rischio negli ultimi 14 giorni con obbligo di segnalazione da parte del soggetto interessato alle autorità sanitarie locali”.

Il consiglio di un dipendente del comune di Codogno: “A lei sembra una cosa semplice? State a casa”

“Il mio consiglio e’ di starvene a casa per il momento – dice un dipendente del comune di Codogno parlando con un cittadino – A lei sembra un cosa semplice? Chiamo e dico al lavoro che mi metto in quarantena?”. Il dipendente ha aggiunto che presto saranno date indicazioni ufficiali e che ci sono due ordinanze in preparazione. 

I contatti del 38enne contagiato di Codogno.

“Abbiamo già ricostruito sia i contatti dei medici, degli infermieri, dei familiari più stretti a cui abbiamo già fatto i tamponi – dice l’assessore –  Sono già stati messi tutti in isolamento o chiamati a stare in isolamento al loro domicilio. La moglie, i genitori”.

Fonte: Ansa.