Coronavirus, il bollettino: – 431 morti. Calano per il nono giorno i ricoverati in terapia intensiva

di Redazione Blitz
Pubblicato il 12 Aprile 2020 18:12 | Ultimo aggiornamento: 13 Aprile 2020 10:27
Borrelli, Ansa

Coronavirus, il bollettino di oggi: 431 morti nelle ultime 24 ore. Scendono per il nono giorno consecutivo i ricoverati in terapia intensiva (foto Ansa)

ROMA – 431 morti, 4.092 contagiati e meno 38 pazienti in terapia intensiva nelle ultime 24 ore. Questi i numeri dell’ultimo bollettino della Protezione Civile.

Sono complessivamente 102.253 i malati di coronavirus in Italia, con un incremento di 1.984 rispetto a ieri (sabato 11 aprile). Ieri, ricordiamo, l’incremento era stato di 1.996.

Calano ancora per il nono giorno consecutivo i ricoveri in terapia intensiva. Sono 3.343 i pazienti nei reparti, 38 in meno rispetto a ieri. Di questi, 1176 sono in Lombardia, 2 in meno rispetto a ieri.

Dei 102.253 malati complessivi, 27.847 sono ricoverati con sintomi, 297 in meno rispetto a ieri – e 71.063 sono quelli in isolamento domiciliare.

Sono 34.211 le persone guarite in Italia dopo aver contratto il coronavirus, 1.677 più di ieri.

Sono 19.899 le vittime dopo aver contratto il coronavirus in Italia, con un aumento rispetto a ieri di 431. E’ l’incremento più basso da una settimana. Sabato l’aumento era stato di 619.

Il numero dei contagiati totali dal coronavirus in Italia – compresi morti e guariti – è di 156.363, con un incremento rispetto a ieri di 4.092.

Questi i numeri forniti dal capo della Protezione Civile Angelo Borrelli nella consueta conferenza stampa nella sede della Protezione Civile.

I dati, regione per regione.

Dai dati della Protezione civile emerge che sono 31.265 i malati in Lombardia (1.007 in più rispetto a ieri), 13.672 in Emilia-Romagna (+177), 12.505 in Piemonte (+335), 10.729 in Veneto (-20), , 6.162 in Toscana (+170), 3.333 in Liguria (0), 3.114 nelle Marche (+117), 3.817 nel Lazio (+87), 3.057 in Campania (+55), 2.082 a Trento (+18), 2.452 in Puglia (+50).

E ancora: 1.326 in Friuli Venezia Giulia (+56), 2.030 in Sicilia (+29), 1.742 in Abruzzo (+18), 1.515 nella provincia di Bolzano (+246), 687 in Umbria (-36), 903 in Sardegna (+15), 795 in Calabria (+3), 588 in Valle d’Aosta (-2), 277 in Basilicata (-4), 202 in Molise (+9).

Quanto alle vittime, se ne registrano 10.621 in Lombardia (+110), 2.564 in Emilia-Romagna (+83), 1.729 in Piemonte (+196), 856 in Veneto (+25), 495 in Toscana (+28), 749 in Liguria (+15), 700 nelle Marche (+11), 279 nel Lazio (+6), 242 in Campania (+4), 293 nella provincia di Trento (+9), 260 in Puglia (+7).

E ancora: 195 in Friuli Venezia Giulia (+10), 163 in Sicilia (+9), 212 in Abruzzo (+6), 205 nella provincia di Bolzano (+5), 52 in Umbria (0), 73 in Sardegna (0), 66 in Calabria (0), 112 in Valle d’Aosta (+5), 18 in Basilicata (+1), 15 in Molise (+1). (Fonti: Protezione Civile, Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev).