Coronavirus in Italia, bollettino 17 dicembre: 18.236 nuovi casi e 683 morti. Quasi 28mila guariti in un giorno

di Lorenzo Briotti
Pubblicato il 17 Dicembre 2020 18:36 | Ultimo aggiornamento: 17 Dicembre 2020 21:33
Regno Unito, 150.000 persone ogni giorno rimangono contagiate Covid

Giappone, nuova variante del Covid: è altamente contagiosa come quella del Regno Unito (foto archivio Ansa)

Coronavirus in Italia, il bollettino del ministero della Salute di oggi, giovedì 17 dicembre. I nuovi positivi sono 18.236 con 185.320 tamponi (ieri, mercoledì 16, erano stati 17.572 con 199.489 tamponi).

Il numero dei decessi non acccenna a scendere: oggi sono 683 i morti, 3 in più di ieri. Il totale dei morti ora è a 67.220. 

Coronavirus, bollettino 17 dicembre: 27.913 guariti in un giorno

Alto il numero dei dimessi/guariti di oggi, giovedì 17 dicembre: sono 27.913, in totale 1.203.814. Gli attualmente positivi calano a 635.343, circa 10mila in meno rispetto a ieri.  Il numero totale dei casi è di 1.906.377.

Il rapporto positivi/test risale al 9,8% (ieri era dell’8,8%).

Dei 683 morti di oggi 92 vengono dal Veneto, 80 dal Piemonte, 78 dall’Emilia Romagna, 68 dalla Lombardia, 63 dalla Toscana e 57 dal Lazio.

La regione più colpita nei dati del 17 dicembre è ancora il Veneto che conta 4.402 nuovi positivi, seguito da Lombardia (2.730), Emilia Romagna (1.667), Lazio (1.597) e Puglia (1.073). Le altre regione contano tutte un numero inferiore a mille di casi: il Molise e  la Val d’Aosta sotto i cento. 

Calano di 71 unità i ricoverati in terapia intensiva (in totale sono 2.855).  In calo anche il totale dei ricoverati con sintomi che si attesta a quota 26.427 unità.

Lazio, malati Covid-19 crescono: “109 casi in più rispetto a giovedì scorso”

Nei dati di oggi ce n’è uno in particolare che fa riflettere. Nel Lazio, se pur di poco i casi aumentano.

“Il dato odierno supera di 109 casi il dato del giovedi’ della scorsa settimana. Un segnale negativo che potrebbe indicare una inversione di tendenza che dobbiamo evitare”. A dirlo è l’assessore regionale alla Sanità Alessio D’Amato.

“Ora servono senza indugi misure nazionali’” ha aggiunto D’Amato (fonte: Agi, Ansa, Leggo, Repubblica).