Estate 2014, meteo si adegua: ore esatte di sole e affidabilità nelle previsioni

di redazione Blitz
Pubblicato il 30 Luglio 2014 9:30 | Ultimo aggiornamento: 30 Luglio 2014 9:30
Estate 2014, meteo si adegua: ore esatte di sole e affidabilità nelle previsioni

Estate 2014, meteo si adegua: ore esatte di sole e affidabilità nelle previsioni

ROMA – L’estate che non vuole arrivare continua a regalarci episodi davvero inconsueti, ma questa prima parte non ha certo lasciato disoccupati i meteorologi, al punto che le previsioni meteo cambiano volto. Tra una bomba d’acqua e un’esondazione, i servizi meteo provano a metterci la toppa indicando le ore esatte di sole nelle località turistiche per prendere la sacrosanta tintarella dopo un anno di lavoro. Con tanto di percentuale di affidabilità, dopo le ire di alcuni albergatori che si sono visti cancellare le prenotazioni per colpa di un errore del meteo.

E’ il caso del sito 3bmeteo.com che promette:

“Partiamo con un nuovo servizio gratuito dedicato al turismo dove dichiariamo la percentuale di affidabilità di ogni previsione. Garantiamo anche una previsione disegnata a mano che indica quando e per quante ore il sole sarà presente nelle località turistiche. Così chi è al mare saprà le ore di sole e rispetteremo la sensibilità di chi ha aspettato tanto per andare in vacanza” .

Anche il sito guru delle previsioni, ilmeteo.it, si è attrezzato per far fronte agli imprevisti. Antonio Sanò spiega:

Garantiamo non solo il numero di ore di sole nell’arco della giornata ma anche l’intensità dei raggi ultravioletti in modo da proteggersi al meglio e anche l’energia oraria massima prodotta dagli impianti fotovoltaici per metro quadro. Così si avrà una visione chiara della giornata nelle località balneari. Ci dispiacciono le critiche, ma c’è una compensazione: perché è vero che a volte abbiamo sbagliato, anche se raramente, causando disagi ma altre volta l’errore inverso li ha favoriti. Vogliamo ridurre al massimo gli sbagli e queste modifiche migliorano la comunicazione verso tutti”.

A Jesolo, dopo l’iniziativa abbronzati o rimborsati la stazione meteo “Jesolo Turismo” ha pensato di fare da sé. Il presidente Luca Boccato spiega:

“E’ innegabile che le errate previsioni del tempo finiscano per danneggiare il turismo – interviene il presidente Jesolo Turismo, Luca Boccato – anche perché sempre di più il turista, italiano come quello straniero, si affida a quelle per decidere se partire per la nostra località. Soprattutto in un momento difficile come questo, non possiamo più permetterci di perdere fette di mercato a causa di errori di altri”.

Boccato ha così incontrato, nella sede del Centro Meteorologico di Teolo (Padova), la direzione dell’Arpav Veneto, l’Agenzia per la prevenzione e protezione ambientale. Secondo gli accordi presi, e dopo un sopralluogo a Jesolo, l’Arpav ha deciso di installare un misuratore pluviometrico nella zona dello stabilimento Oro Beach.

“Se le rilevazioni risulteranno differenti in modo significativo da quelle della strumentazione presente a Cavallino ed Eraclea – dice Boccato – sarà la prova che, come sosteniamo da tempo, a Jesolo il clima è differente, tale da richiedere e giustificare l’installazione di una postazione meteo completa nella nostra città”.

A Riccione, addirittura, l’amministrazione comunale per ovviare al problema ha deciso di affidare al centro Epson Meteo una pagina dedicata su Facebook.

“Un problema delle previsioni “classiche” – spiega Andrea Giuliacci, meteorologo del centro – è che devono tenere conto di tutta Italia in poche righe e, quindi, non possono soffermarsi in città strategiche per il turismo. Noi stiamo sperimentando questa formula che approfondisce solo Riccione, dando tanti dettagli e una grande affidabilità”.

Intanto l’estate 2014 in Italia sarà ricordata certamente come una delle più “anomale” degli ultimi anni sebbene non sia stata “la peggiore”, si annovera tra le più imprevedibili degli ultimi 70 anni.

Spiega Marina Baldi, climatologa del Cnr-Ibimet:

“Giugno e luglio fino ad oggi sono stati caratterizzati da una forte dinamicità dell’atmosfera con perturbazioni ed instabilità che hanno portato precipitazioni oltre la media stagionale e brevi ma intense irruzioni di aria calda di origine subtropicale”.

D’accordo con l’analisi della ricercatrice anche Flavio Galbiati del centro Epson-Meteo.it che sottolinea come il mese di luglio appena trascorso ha visto una percentuale di giorni di pioggia sopra la media stagionale:

“Al Nord a luglio sono stati 21 giorni su 28, al Centro sono stati registrati ben 14 giorni su 28, mentre al sud e’ andata meglio, si sono registri 9 giorni su 28 di pioggia”.

Non va meglio neanche sul fronte delle temperature, decisamente lontane dall’arsura estiva cui eravamo abituati:

“A Milano i giorni registrati con le temperature massime di 30 gradi a luglio – si evince dal grafico del centro Epson Meteo.it – nell’anno 2013 sono stati 21 i giorni a 30 gradi mentre nel 2014 si sono registrati solo 4 giorni con temperature estive su 30 gradi. Neanche nella Capitale si e’ sentita l’aria estiva: a Roma nel 2013 sono stati 26 i giorni con il termometro che tocca i 30 gradi mentre nel 2014 si sono registrati solo 11 giorni con la colonnina di mercurio che ha sfiorato la temperatura massima di 30 gradi.”

I primi segnali che quella che stiamo vivendo sarebbe stata un estate anomala si sono vissuti già quest’inverno:

“Un non inverno caratterizzato da poco freddo e poca neve al Nord’- prosegue Baldi – e le ripercussioni si stanno vivendo nel mese appena trascorso, una ‘non estate’ rispetto a quelle vissute negli ultimi 5/10 anni, e la causa in parte e’ anche da attribuire al fenomeno del El Nino, che ha una ricaduta notevole sui mari e sul clima Italiano”.

E per il mese di agosto, nulla di buono da sperare:

“E’ ancora presto per capire dai modelli che tempo e che clima si avrà ad agosto – prosegue la climatologa del Cnr-Ibimet, ma da una prima analisi non c’e da sperare tanto sul ritorno del caldo. Sarà un mese senza eccessi di caldo”.