Giubileo, Enac: “8 dicembre spazio aereo chiuso su Roma”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 Dicembre 2015 19:08 | Ultimo aggiornamento: 5 Dicembre 2015 19:08
Giubileo, Enac: "8 dicembre spazio aereo chiuso su Roma"

Giubileo, Enac: “8 dicembre spazio aereo chiuso su Roma”

ROMA – Spazio aereo chiuso su Roma e dintorni martedì 8 dicembre per l’apertura del Giubileo della Misericordia. L’Ente  nazionale per l’aviazione civile, Enac, il 5 dicembre ha comunicato in una nota la chiusura dello spazio aereo per questioni di sicurezza. Dalle ore 7 alle 19 tutti i voli nell’area saranno vietati, anche per i velivoli ultraleggeri e i droni, in una area circolare avente un raggio di circa 10 km dal centro della città.

Il divieto di volo dell’Enac però esclude alcune categorie, che potranno continuare a circolare liberamente nello spazio aereo:

“Sono esclusi dal divieto i voli commerciali di linea e charter che devono atterrare o decollare dagli aeroporti di Fiumicino e Ciampino, i voli di Stato e quelli di emergenza. I voli Vfr sono vietati in una area circolare di circa 64 km di raggio. Maggiori dettagli e informazioni sono riportati nei Notam pubblicati dall’Enav”.

Queste sono le misure di sicurezza decise dall’Enac in vista dei rischi legati agli attacchi terroristici in un giorno, quello dell’8 dicembre, in cui Roma e il Vaticano saranno sorvegliate speciali. Alla vigilia dell’apertura del Giubileo resta alto il livello di attenzione sul fronte sicurezza anche all’aeroporto di Fiumicino.

Nello scalo romano, peraltro, fanno notare fonti investigative in aeroporto, la vigilanza era già su standard elevati subito dopo gli attentati terroristici di Parigi. Capillari i controlli, ma con una discreta presenza delle forze dell’ordine di Polizia, Carabinieri e Guardia di finanza, sia nelle aerostazioni, nei settori oltre-frontiera, nella cosiddetta “area sterile”, così come sulle piste dello scalo.

Fuori dall’aeroporto e lungo l’anello viario sono diversi i posti di controllo sulle strade. Controlli capillari anche su tutte le valige che sono caricate nelle stive degli aerei, oltre che ai varchi di sicurezza per il controllo radiogeno sui bagagli portati a mano.     Il 5 dicembre le aerostazioni, comunque, non risultano particolarmente affollate di vacanzieri, a parte il Terminal 3 nella prima metà della mattinata, da cui sono partiti numerosi turisti verso mete turistiche balneari come le Isole Canarie, (Lanzarote, Tenerife, Gran Canaria) e per la Florida (Miami).