Gomorra 2: a Portici protesta contro le riprese perché…

di Redazione Blitz
Pubblicato il 18 Settembre 2015 7:48 | Ultimo aggiornamento: 18 Settembre 2015 1:49
Gomorra 2: a Portici protesta contro le riprese perché...

Gomorra 2: a Portici protesta contro le riprese perché… (foto Ansa)

PORTICI – Proteste a Portici durante le registrazioni della serie tv Gomorra II. Un gruppo di aderenti alla “Federazione Verdi di Portici-Alex Langer” ha attuato un sit-in di protesta all’esterno del cimitero comunale della cittadina vesuviana per protestare contro la riprese della nuova serie tv di Sky.

Nel cimitero di Portici sono state effettuate riprese per la fiction televisiva, autorizzate dall’ amministrazione comunale. In un manifesto affisso all’ esterno del cimitero i Verdi hanno affermato che è “diseducativo e inopportuno autorizzare le riprese di Gomorra sul territorio di Portici, e addirittura nel cimitero, ancor più dopo le assurde affermazione dell’ on. Bindi sulla camorra come dato costitutivo di Napoli”. “Portici è contro la camorra – conclude il manifesto – e contro chi, anche se involontariamente, ne può dare una rappresentazione emulativa e diseducativa”.

Il sindaco Nicola Marrone ha risposto: “La realtà è che la città di Portici ha destinato un bene confiscato alla camorra, quale Villa Fernandez, alle associazioni impegnate sul territorio nel promuovere la cultura della legalità”.

“La Film Commission Regione Campania, che ha il compito istituzionale di promuovere l’arte cinematografica così come accade in tutte le regioni d’Italia – aggiunge – ha individuato come set anche la città di Portici per girare le riprese della serie tv Gomorra 2 e noi abbiamo accolto la richiesta nel solco di una collaborazione istituzionale”.

“Ritengo che ci debba essere libertà di espressione in linea con la Carta Costituzionale – prosegue Marrone – Questo non significa assumere su si sé le finalità artistiche, di pensiero e di rappresentazione ma semplicemente rispettare un principio dettato dalla Costituzione”.