La Lega: “Uno spreco i 2000 euro per la festa delle badanti a Vicenza”. Senza badanti 827 milioni di spesa pubblica in più

Pubblicato il 17 Giugno 2009 13:25 | Ultimo aggiornamento: 17 Giugno 2009 14:57

Ad Alessio Sandoli, segretario vicentino della Lega Nord, ha dato molto fastidio che il Comune abbia organizzato una “Festa delle badanti” e che abbia speso per questo ben duemila euro. “Prima le badanti, poi toccherà agli immigrati, probabilmente la prossima volta ai terroristi islamici e alle prostitute”. Questo il suo lamento e questa la affinità tra categorie che l’esponente leghista esplicita e denuncia.

Gian Antonio Stella sul Corriere della Sera fa due conti. Duemila euro per le badanti, venticinquemila per la sola serata finale del Festival Jazz, non è vero dunque che il Comune non spende per gli “indigeni”. Ma, soprattutto, 77 milioni di euro quanto le casse pubbliche spenderebbero in assistenza agli anziani a Vicenza se le badanti andassero via e 750 i milioni di euro necessari per i 5000 posti letto da costruire in tutta fretta in caso di rinuncia alle badanti. Se la festa è stato un regalo pubblico alle badanti, è stato un regalo pari, anzi inferiore allo 0,1 per mille di quanto le badanti regalano alla collettività sotto forma di risparmiata spesa pubblica.