Lanciano, preso il quarto uomo della banda: è romeno ed è stato arrestato a Caserta

di Redazione Blitz
Pubblicato il 27 settembre 2018 18:08 | Ultimo aggiornamento: 27 settembre 2018 18:08
Lanciano, preso il quarto uomo della banda: è romeno ed è stato arrestato a Caserta (foto Ansa)

Lanciano, preso il quarto uomo della banda: è romeno ed è stato arrestato a Caserta (foto Ansa)

LANCIANO – E’ stato preso dalla Polizia il quarto appartenente alla banda che ha aggredito nella loro villa a Lanciano, in provincia di Chieti, i coniugi Martelli. L’uomo, un romeno, è stato arrestato dagli uomini dello Sco e della squadra mobile a Caserta.

Il quarto uomo della banda si è tradito quando ha tentato di vendere uno degli orologi che aveva rubato nella villa dei coniugi Martelli. L’uomo, secondo quanto si apprende da fonti qualificate citate dall’Ansa, avrebbe infatti tentato di entrare in contatto con alcuni circuiti di ricettatori, nella speranza di piazzare l’orologio e ottenere del denaro per proseguire la fuga. Una mossa che ha però permesso agli investigatori di rintracciarlo nella zona di Caserta, dove poi è stato arrestato.

”Ma è italiano? E’ romeno? Sul serio? Ma parlava italiano spiccicato…”. E’ stupito Domenico Iezzi, il 73enne commerciante che lo scorso marzo fu rapinato, malmenato e mutilato col taglio di un dito da parte della banda dei colpi violenti nelle ville del lancianese, che sembra essere stata sgominata in 4 giorni dopo l’assalto a casa Martelli. “Vedi che quando vogliono li acchiappano – mormora Iezzi – ma certo avrei giurato che era proprio italiano”.