Maestra d’asilo si uccide lanciandosi dal quinto piano a Colli Portuensi: era convinta di avere il Covid

di Redazione Blitz
Pubblicato il 10 Settembre 2020 10:07 | Ultimo aggiornamento: 10 Settembre 2020 10:07
Colli Portuensi, maestra d'asilo si uccide lanciandosi dal quinto piano

Roma, maestra d’asilo si uccide lanciandosi dal quinto piano: era convinta di avere il Covid (foto ANSA)

Una maestra d’asilo di 45 anni si uccide lanciandosi dal quinto piano a Colli Portuensi: era convinta di avere il Covid.

La maestra d’asilo trovata morta ieri mattina, 9 settembre, a Colli Portuensi, a Roma, non avrebbe avuto un malore ma si sarebbe lanciata dal quinto piano della sua abitazione.

Il cadavere della 45enne è stato trovato da un passante che ha prontamente chiamato il 118.

Secondo quanto riportato da Il Messaggero la donna era ossessionata dall’idea di aver contratto il Covid.

Durante il giorno aveva più volte detto al marito di essere sicura di aver contratto il coronavirus.

Non sono servite a nulla neanche le rassicurazioni del suo medico.

Sempre secondo il quotidiano romano, non è chiaro se la donna soffrisse di depressione.

Non avrebbe avuto problemi psichiatrici e la crisi sarebbe sopraggiunta con la pandemia.

Il marito sotto shock

Il marito non si era reso conto di cosa fosse accaduto.

Dopo una notte insonne passata a cercare di calmarla, era convinto si fosse addormentata.

Verso le 7 del mattino però, la 45enne si è alzata dal letto e si è lanciata dalla finestra.

Il pubblico ministero ha aperto un fascicolo per istigazione al suicidio, ma si tratta principalmente di un atto dovuto.

Sul corpo della 45enne, che aveva anche un figlio piccolo, è stata disposta l’autopsia. (fonte IL MESSAGGERO)