Maltempo, allerta meteo: pioggia forte a Genova, a Carrara piano evacuazione

di Redazione Blitz
Pubblicato il 10 novembre 2014 8:52 | Ultimo aggiornamento: 10 novembre 2014 16:41

ROMA – Nuova allerta maltempo sull’Italia del Nord. Pioggia forte a Genova e piano di evacuazione a Carrara. In generale, rischio frane in Liguria, Toscana, e Piemonte. A Genova, all’isola d’Elba, in Versilia e in alcuni Comuni del Piemonte (Gavi, Serravvalle, Voltaggio e Stazzano) le scuole, lunedì 10 novembre, restano chiuse. 

LIGURIA –  Due rivi sono esondati domenica sera a Genova a causa delle forti piogge. Poco dopo le 22 è uscito dagli argini un piccolo corso d’acqua in parte tombato a Cornigliano e ha allagato cantine e primi piani delle abitazioni che sorgono sul rivo.

Altra situazione critica vicino a Staglieno, zona già duramente colpita dall’alluvione del 9 ottobre. Problemi anche nelle zone di Brin e Bobbio nei sottopassi, dove alcune auto sono rimaste bloccate dall’improvviso innalzamento dell’acqua. I vigili del fuoco hanno salvato i passeggeri delle auto.

Anche i sottopassi di via Canevari e corso Sardegna, nel Quadrilatero del fango, sono allagati ed è scattato il dispositivo di emergenza per bloccare i veicoli. Allagamenti anche nel levante di Genova. Il forte vento ha costretto al dirottamento su Pisa del volo in arrivo da Roma Fiumicino.

Lunedì 10 novembre e martedì 11 nel capoluogo ligure restano chiuse tutte le scuole, i centri sociali e i servizi per bambini e anziani, i centri sportivi, i mercati, i cimiteri e i parchi, ed è stato interdetto l’accesso alle scogliere.

Per la previsione di piogge è stata prorogata fino alla mezzanotte di martedì 11 novembre lo stato di allerta 2, il più alto.

TOSCANA – A Carrara resta alta l’allerta dopo gli allagamenti degli scorsi giorni. Il fiume Carrione nella notte si è gonfiato ma non è uscito dagli argini. Ha retto la tamponatura provvisoria realizzata con i massi delle cave del tratto di argine crollato ad Avenza dopo l’alluvione di mercoledì scorso. Si registrano comunque allagamenti un po’ ovunque, soprattutto a Marina di Carrara. Il sindaco di Carrara, Angelo Zubbani, ha firmato un’ordinanza per evacuare tutti i piani terra della ‘zona rossa’ di Marina di Carrara nei pressi del torrente Carrione.

In Lunigiana i temporali hanno colpito soprattutto nella parte alta, causando pausa, disagi e qualche smottamento. Ad Aulla il Comune ha blindato una parte di centro città, quello devastato dall’alluvione del 2011, ordinando la chiusura delle attività commerciali, artigianali e professionali collocate al piano terra degli edifici nella zona vicino l’argine del fiume Magra.

In tutti i 17 Comuni della provincia di Massa Carrara le scuole sono rimaste chiuse. A Carrara ed Aulla saranno chiuse anche martedì mentre negli altri Comuni si valuterà la situazione in giornata. Intanto lunedì restano chiuse anche le scuole della Versilia e di diversi Comuni dell’Isola d’Elba.

CONTINUA A LEGGERE DOPO LA GALLERY

L’allerta a Carrara (LaPresse)

A Fucecchio (Firenze) un fulmine che si è abbattuto su un centro per ragazzi autistici ha causato un incendio in cui tre persone sono rimaste ferite.  La scarica è stata tanto devastante da perforare il solaio del tetto, far esplodere l’impianto elettrico e innescare un principio d’incendio nella struttura. Lo scoppio ha causato lievi ustioni a tre operatori dell’Asl dei 10 già presenti. Tutti sono stati portati all’ospedale di Empoli per accertamenti. Assenti i ragazzi autistici perché il centro apre alle 9.30 e il fulmine è caduto prima.

Allagamenti e disagi anche a Pisa. Il cortile e i locali seminterrati del dipartimento di ingegneria dell’Università di Pisa si sono allagati ed è stato necessario l’intervento delle squadre dei vigili del fuoco. Qualche allagamento anche in altre zone di Pisa ma complessivamente la situazione è sotto controllo.

PIEMONTE –  Torna la paura nel basso Piemonte a causa delle forti piogge delle ultime ore. Per precauzione, lunedì 10 novembre scuole chiuse a Gavi, Serravalle, Voltaggio e Stazzano, i Comuni più colpiti dall’alluvione del 13 ottobre. Tutto regolare, invece, a Novi Ligure.

In provincia di Verbania-Cusio-Ossola a causa delle forti nevicate il traforo del Sempione è stato chiuso ai mezzi pesanti e la strada della Val Strona chiusa per precauzione a causa delle forti piogge. La provinciale della Val Strona è stata chiusa per precauzione tra le frazioni Canova e Prelo, dove un mese fa erano cadute quattro frane. Stop ai mezzi pesanti sul passo del Sempione tra Ossola e Canton Vallese; la statale 33 del Sempione è percorribile fino al Confine di Stato di Iselle di Trasquera.

CAMPANIA –  Per colpa del maltempo a sparire dal panorama di Capri (Napoli) sarà lunedì 9 novembrelo storico ed enorme cactus di via Vittorio Emanuele, dopo altre piante ed alberi già distrutti dalla bufera di vento che si è abbattuta sulla città. L’esemplare, posizionato all’ingresso della filiale caprese del Banco di Napoli, attira migliaia di turisti ogni anno che lo fotografano per la sua particolare rigogliosità, ma è stato irrimediabilmente danneggiato alla base dalla tempesta dello scorso weekend.

EMILIA ROMAGNA – Continua a piovere anche in Emilia -Romagna. In previsione di innalzamenti dei livelli dei fiumi Taro, Parma, Baganza la Protezione civile ha attivato la fase di preallarme per piena per una serie di Comuni della provincia di Parma, già colpita dall’alluvione di ottobre.