Massacra con la roncola i genitori della sua ex e uccide il loro cane, poi scappa nel bosco e viene arrestato

di redazione cronaca
Pubblicato il 11 Giugno 2024 - 18:55
massacra genitori ex con al roncola

FOTO ANSA

Il pm ha disposto il fermo per tentato omicidio aggravato a carico dell’ex fidanzato della figlia di Angelo Imporzani e Karin Dupres, la coppia massacrata a colpi di roncola nell’abitazione di San Colombano Certenoli in provincia di Genova.  I due coniugi sono ora ricoverati in gravi condizioni al San Martino di Genova per gravi ferite al capo e agli arti superiori. L’uomo è stato invece rintracciato in un rifugio di Santo Stefano d’Aveto. La struttura è stata circondata e i Carabinieri sono entrati bloccando l’uomo. Interrogato in procura, è stato successivamente accompagnato in carcere a Marassi. Secondo le prime informazioni l’uomo, che non si rassegnava alla fine della relazione, aveva scritto alla ragazza alcuni messaggi minacciando la madre e il cane. 

Secondo la ricostruzione il fermato, 25 anni, venerdì scorso aveva lasciato la propria abitazione dove si trovava in affitto e ha deciso di non utilizzare più il proprio telefono per rendersi irrintracciabile. Poi, probabilmente il giorno dopo, si è introdotto in una casa disabitata a pochi metri dall’abitazione dei genitori della sua ex fidanzata, probabilmente per controllarne la routine. La domenica sera, intorno alle 22 ha deciso di concretizzare le minacce nei confronti della sua ex ragazza, ovvero fare del male alla madre e al padre e anche al cane: si è arrampicato lungo la parete esterna fino a raggiungere la terrazza della casa dove, proprio in quel momento, Karin Dupres (mamma 65enne della sua ex) stava per chiudere le imposte. l’ha subito colpita con la roncola al viso ed alla testa e la donna ha urlato, chiamando il marito in aiuto mentre A.B., entrato nella camera da letto, ha ucciso il cane. Poi ha colpito con altrettanta veemenza il marito della donna che si trovava in bagno. Poi, rubate le chiavi della Cinquecento è scappato. Presa la 500, dopo poche curve è uscito di strada ed è scappato a piedi nel bosco. Una segnalazione secondo cui l’uomo si era allontanato verso un rifugio tra i boschi a 2 ore a piedi da Santo Stefano d’Aveto ha portato i Carabinieri a raggiungere un rifugio e, dopo avere circondato la struttura, sono entrati. Bloccato, l’uomo è stato sottoposto a interrogatorio in Procura e sottoposto a fermo per tentato omicidio aggravato