Milano, esplosione in una palazzina di piazzale Libia: 8 feriti, 3 piani sventrati

di Redazione Blitz
Pubblicato il 12 Settembre 2020 8:55 | Ultimo aggiornamento: 12 Settembre 2020 11:46
Milano, esplosione in una palazzina di piazzale Libia sabato 12 settembre: 6 feriti, 3 piani sventrati

Milano, esplosione in una palazzina di piazzale Libia: 6 feriti, 3 piani sventrati (Foto Ansa)

Fortissima esplosione in una palazzina di piazzale Libia a Milano: 8 feriti (di cui almeno uno serio) e tre piani sventrati.

E’ di sette persone rimaste ferite in modo lieve e una in modo più serio il primo bilancio dell’esplosione. Il forte scoppio è avvenuto la mattina di sabato 12 settembre in una palazzina di piazzale Libia a Milano.

Esplosione palazzina a Milano: un ferito grave

La persona ferita più gravemente è un uomo di 30 anni, le cui iniziali sono S.A., che ha riportato ustioni di secondo e terzo grado su tutto il corpo. L’uomo è stato trasportato in codice rosso all’ospedale Niguarda.

Lo comunica Areu, spiegando che sarebbero una cinquantina gli abitanti del condominio e che dall’esplosione al piano terra si sarebbe poi sviluppato un incendio che avrebbe coinvolto il primo piano. Sul posto sono intervenuti una squadra USAR, 9 ambulanze, 2 automediche, 1 autoinfermieristica, oltre a Polizia, vigili del fuoco e vigili urbani.

Una serie di crolli di muri nel palazzo

All’interno del palazzo si sono verificati una serie di crolli di muri interni e non strutturali. Sono in corso da parte dei vigili del fuoco le ricerche di alcune persone che probabilmente si sono allontanate dalla zona al momento dello scoppio. I pompieri stanno anche controllando che non ci siano altre persone coinvolte.

La fuga di gas

Dovrebbe essere stata una fuga di gas a causare lo scoppio che ha interessato un edificio al civico 20 di piazzale Libia a Milano. E’ questa l’ipotesi principale dei soccorritori sul posto. Il forte boato è stato sentito fino a Romolo, a oltre un chilometro di distanza.

Non è chiaro se l’esplosione si è verificata nella cantine del palazzo o al piano terra, dove si trova uno studio dentistico  e un monolocale dove vive in affitto un ragazzo. E’ lui il più grave degli 8 feriti. E’ stato trasportato in ospedale con ustioni e sotto choc ma non dovrebbe essere in pericolo di vita.

Completamente distrutti l’androne e il piano terra del condominio, anche se danni si contano all’ultimo piano. L’intero palazzo è stato evacuato insieme a una parte dell’edificio posto al civico 22. Notevole l’onda d’urto, con pezzi di lamiere degli scooter parcheggiati davanti al palazzo che sono stati ritrovati nei giardinetti di fronte a 30 metri di distanza. (Fonti Ansa, Agi e Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev)