Morta su asfalto, insulti ai vigili: levatela, dobbiamo passare

di Redazione Blitz
Pubblicato il 4 settembre 2015 15:26 | Ultimo aggiornamento: 4 settembre 2015 15:28
Morta su asfalto, insulti ai vigili: levatela, dobbiamo passare

Angelica Caironi (Foto Facebook)

SALO’ – “Levatela, dobbiamo passare“. Il corpo senza vita di una ragazza è ancora sull’asfalto, ma gli automobilisti non hanno avuto riguardi. Insulti, bestemmie e parolacce ai vigili urbani perché rimuovessero al più presto il corpo di Angelica Caironi, 20 anni, ancora coperto da un lenzuolo bianco dopo l’incidente avvenuto la sera di domenica 30 agosto a Barbarano.

Maria Paola Pasini sul Corriere della Sera nell’edizione di Brescia riporta le dichiarazioni di Marco Bergognini, 45 anni, agente della Polizia locale di Salò, intervenuto insieme ai colleghi sul luogo dell’incidente:

“«Ho assistito a scene incredibili. Gente che urlava, automobilisti in coda che volevano passare assolutamente. Insulti, bestemmie, parolacce. Incuranti del corpo senza vita della ragazza. A terra a pochi metri di distanza».

In tanti si erano messi in auto domenica per raggiungere Salò per assistere allo spettacolo pirotecnico di fine estate. Poco prima delle 23 lo schianto tra una moto e un’auto. Ad avere la peggio la ventenne che rimane sull’asfalto priva di vita, nonostante i tentativi di rianimarla. La gardesana viene chiusa. Il traffico deviato, ma all’inizio è il caos”.

I vigili intervengono per i rilievi dell’incidente mortale, ma gli automobilisti sono inferociti e vogliono passare ad ogni costo, scrive la Pasini:

5 x 1000

“«Uno – racconta ancora Bergognini che ha ‘postato’ il suo sfogo su facebook – è schizzato via con una gimkana tra il corpo, la vettura incidentata, i soccorsi. Mi ha urlato: ‘Io devo andare a casa’. Un altro ha strappato il nastro che usiamo per delimitare la zona dell’incidente. Alcuni ciclisti gridavano come pazzi. Ne ho portato uno davanti al corpo della ragazza e gli ho detto ‘Vuoi urlare ancora, non pensi a questa famiglia?’ Assurdo».

Marco Bergognini è di Toscolano, ha due figlie, una di 14 e una di 11 anni. Quella sera è sempre nella sua mente. Da allora fa fatica a prendere sonno. «Penso sempre a quella povera ragazza. Come si fa ad essere così insensibili, così disumani? Come polizia locale abbiamo fatto il possibile, abbiamo deviato il traffico da San Michele. La collega di Gardone Riviera spiegava che si trattava di un incidente mortale. È stata aggredita fisicamente da un automobilista». Gli insulti lanciati all’indirizzo dei vigili purtroppo non sono infrequenti… «In tanti se la prendono con noi – sottolinea Stefano Traverso, comandante a Salò – dall’inizio dell’anno abbiamo rilevato 60 incidenti stradali. Facciamo tutto il possibile, ma la gente ci copre di insulti. Questa volta però siamo andati davvero oltre»”.