Napoli, torna a casa da ospedale: Anna Siena muore a 36 anni. Aveva un feto morto in grembo

di redazione Blitz
Pubblicato il 2 febbraio 2019 8:41 | Ultimo aggiornamento: 2 febbraio 2019 9:07
Napoli, la rimandano a casa dall'ospedale: Anna Siena muore a 36 anni. Aveva un feto morto in grembo

Napoli, la rimandano a casa dall’ospedale: Anna Siena muore a 36 anni. Aveva un feto morto in grembo

NAPOLI – Si era presentata in ospedale lamentando forti dolori addominali, ma l’hanno rimandata a casa. “E’ solo mal di pancia”, le avrebbero detto. Anna Siena, 36 anni appena, in seguito è morta: l’autopsia ha rivelato che aveva un feto morto in grembo. La tragedia si è consumata lo scorso 18 gennaio all’ospedale Vecchio Pellegrini di Napoli, dove la donna era stata dimessa tre giorni prima per una lombosciatalgia. 

L’esame autoptico è stato eseguito venerdì 1 febbraio nel Secondo Policlinico, a distanza di numerosi giorni dal decesso. La donna ha vissuto un vero e proprio calvario prima di morire: l’assunzione degli analgesici prescritti dai medici attenuarono, nell’immediatezza, i dolori all’addome, che però si sono ripresentati ancora più forti alcuni giorni dopo costringendo la famiglia, assistita dagli avvocati Sergio e Angelo Pisani, a riportarla urgentemente in ospedale dove poi è deceduta.

Da qualche giorno la Procura di Napoli ha iscritto nel registro degli indagati, per omicidio colposo, i due medici che visitarono la donna il 15 gennaio. “Sarebbe bastata una ecografia e la ragazza si sarebbe potuta salvare, attraverso un intervento chirurgico”, dicono gli avvocati.

La famiglia ha da subito avuto dei sospetti sulle visite eseguite sulla ragazza che si sarebbe dovuta sposare dopo l’estate.