Nicola Brescia, ucciso a Bitetto dall’ex della fidanzata. Ferita anche lei

di Redazione Blitz
Pubblicato il 12 Settembre 2020 10:58 | Ultimo aggiornamento: 12 Settembre 2020 11:51
Nicola Brescia, ucciso a Bitetto (Bari) dall'ex della fidanzata. Ferita anche lei

Nicola Brescia, ucciso a Bitetto dall’ex della fidanzata. Ferita anche lei (Foto d’archivio Ansa)

Un ragazzo è stato ucciso a coltellato a Bitetto. Accusato l’ex fidanzato della sua ragazza.

Un 26enne di Bitetto, in provincia di Bari, Nicola Brescia, è stato ucciso a coltellate. L’omicidio la notte tra 11 e 12 settmbre durante un litigio con l’ex compagno della sua fidanzata. Questo è quello che riporta l’Ansa.

Bitetto: Nicola Brescia e la lite con l’ex della fidanzata

Feriti anche la ragazza, 22enne, e il padre della vittima di 50 anni, entrambi ricoverati rispettivamente all’ospedale Di Venere di Carbonara e al San Paolo. Non sarebbero in pericolo di vita.

Scrive l’Ansa che l’autore dell’accoltellamento è un pregiudicato. Le forze dell’ordine lo hanno bloccato poco dopo il fatto.

Attualmente è in arresto in flagranza con le accuse di omicidio volontario e duplice tentato omicidio. Il delitto è avvenuto intorno alle 3.30 sotto l’abitazione della vittima, nel centro di Bitetto.

Sulla vicenda indagano i carabinieri, coordinati dalla pm di turno Savina Toscani.

Omicidio davanti al palazzo in cui abitava la vittima

L’omicidio è avvenuto per strada, davanti all’androne del palazzo dove la vittima abitava con i genitori e dove si fermava a dormire occasionalmente la ragazza.

Stando ad una prima ricostruzione dei fatti, l’ex compagno convivente della donna avrebbe raggiunto l’abitazione in piena notte. Il litigio, la cui dinamica gli investigatori stanno ricostruendo, avrebbe un movente passionale. L’assassino non aveva accettato la fine della relazione.

Al culmine del litigio il 26enne, con un coltello che i carabinieri stanno ancora cercando, ha ferito mortalmente Brescia con almeno cinque fendenti al petto, addome e schiena e ha accoltellato anche la ex compagna e il padre della vittima colpendoli sul tronco.

Quando il 118 è arrivato sul luogo del delitto ha tentato invano di rianimare Brescia ma era già deceduto, mentre i due feriti sono stati portati in ospedale. I carabinieri hanno subito rintracciato l’assassino, che nel frattempo era fuggito, bloccandolo mentre tornava a casa.

La confessione

Ha confessato di aver ucciso il rivale in amore il 26enne che si trova attualmente in stato di arresto nella stazione dei carabinieri di Bitetto. A quanto scrive l’Ansa, interrogato dalla pm di turno Savina Toscani, il 26enne ha ammesso i fatti. Stando ad una prima ricostruzione, l’assassino, che aveva appreso della nuova relazione della sua ex compagna considerandola un tradimento, avrebbe citofonato al palazzo dove viveva la vittima. Sarebbe sceso in strada prima il padre, poi il ragazzo ucciso e la 22enne al centro della contesa. (Fonte Ansa)