Papa Benedetto XVI in visita ad Arezzo

Pubblicato il 13 Maggio 2012 - 21:45 OLTRE 6 MESI FA

Benedetto XVI

AREZZO – Il maltempo ha fermato il Papa in quello che probabilmente era l’appuntamento a cui teneva di più in questa sua giornata toscana. La nebbia e le nuvole, che nel pomeriggio di domenica 13 maggio hanno avvolto la montagna di San Francesco, hanno costretto Benedetto XVI a cambiare programma anticipando quello che doveva essere l’ultimo appuntamento, l’incontro con la cittadinanza a Sansepolcro, per i mille anni della nascita della cittadina, e saltare l’incontro con i frati francescani al santuario de La Verna.

Eppure, nonostante tutto, la visita ad Arezzo è diventata per il Pontefice l’occasione per affrontare temi importanti e soprattutto rivolgere più di un pensiero non solo alla Toscana, terra ”del Rinascimento e dell’uomo nuovo”, ma ai tanti cittadini, italiani e europei, che stanno soffrendo per la crisi economica-finanziaria. Parole pronunciate davanti al Presidente del Consiglio Mario Monti, e riprese dalla stessa diocesi di Arezzo, guidata dall’arcivescovo Riccardo Fontana, che ha avuto presente questo tema fin dall’annuncio della visita del Papa, alcuni mesi fa.

Nessuno sfarzo e nessuna spesa ‘pazza’ per accogliere Benedetto XVI, nonostante qualche polemica che anche stamani e’ stata rappresentata fuori dalla zona della cattedrale ma respinta al mittente dal sindaco Giuseppe Fanfani: ”Abbiamo speso 90 mila euro per i servizi. Quanto avremmo dovuto spendere per andare in mondovisione?” ha chiesto a chi protestava.

La curia, proprio per rispetto ”a chi non arriva alla fine del mese”, non ha fatto regali al Papa ma ha effettuato una raccolta di denaro, idealmente consegnato a Benedetto XVI, per poi ridistribuirlo tra le tante famiglie bisognose della diocesi. Probabilmente non ci saranno stati i trentamila fedeli attesi, e più volte annunciati, nel parco de Il Prato, dietro la cattedrale per la messa celebrata dal Pontefice, sotto un cielo prima sereno poi sempre più scuro, fino alla pioggia del pomeriggio quando il Papa, affacciato da una finestra dell’episcopio, ha salutato i musici e i figuranti della Giostra del Saracino, che hanno suonato l’Inno europeo, oltre a quello della città.

Ad Arezzo sono comunque arrivati da tutta la regione: tantissimi i giovani e giovanissimi, molti quelli reduci dall’ultima Giornata della gioventù di Madrid, che per l’occasione hanno indossato, orgogliosi, le magliette dell’estate scorsa i cui colori sono diventati una cosa sola con quelli dei fazzoletti e dei cappelli distribuiti. E a loro, soprattutto, si rivolto il Papa quando da Sansepolcro è tornato a chiedere di dare fiducia e sale alla politica e alla società. Una giornata che Arezzo non dimenticherà: ”Ero emozionato come un bambino all’esame di quinta elementare” ha detto alla fine il sindaco.

Una giornata che lo stesso Pontefice porterà nel cuore, sono convinti ad Arezzo, se non altro ripensando ai due bambini, Giada e Matteo, di 13 e 12 anni, che durante il suo momento di preghiera davanti all’immagine della Madonna del Conforto in una cappella del Duomo, lo hanno emozionato cantando per lui una laude del Petrarca.