Lunedì 3 settembre, l’occhio di Poppea: temporali, ma nel weekend di nuovo 30°

Pubblicato il 2 settembre 2012 18:09 | Ultimo aggiornamento: 3 settembre 2012 12:19
maltempo

LaPresse

ROMA – Lunedì 3 settembre, il giorno peggiore della settimana. L’occhio del ciclone Poppea non si scolla dall’Italia e anzi porta temporali su Lazio, la Toscana, la Campania. Roma sorvegliata speciale: previsti fino a 60 mm di pioggia, 700 uomini in strada pronti ad affrontare l’emergenza.

E al Nord? Già da sabato è praticamente inverno. Neve, freddo, pioggia a non finire. Il Passo dello Stelvio  domenica è stato chiuso per “troppa neve”, ben venti centimetri.

Per rivedere un raggio di sole dovremo aspettare almeno mercoledì, poi dal weekend ritornerà l’estate  con tanto di 30 gradi all’ombra.

Secondo il meteorologo Antonio Sanò, del portale IlMeteo.it: “L’occhio del Ciclone Poppea si sta avvicinando alla Sardegna e punta verso il Mar di Tirreno. Poppea è un tipico vortice depressionario formatosi nel Mediterraneo in seguito ai contrasti tra l’aria più fresca che scende dalla Scandinavia con i nostri mari ben più caldi del normale”.

Dalla Sardegna e dalla Sicilia gli acquazzoni si sono spostati verso il Lazio, la Toscana, la Campania e anche su Roma, Umbria, Marche, Piemonte e Liguria di ponente, mentre al sud e sulla Sicilia transiteranno forti temporali. Solo il Veneto orientale, il Friuli Venezia Giulia e il Salento verranno in parte risparmiati.

In Campania e in Liguria è scattato l’allerta della protezione civile.

Per chi aveva solo una settimana di ferie il meteo proprio non è stato buono, perché c’è da dire che da dieci anni non si verificava un cambio così. “Così non accadeva da dieci anni – ha spiegato il meteorologo di 3bmeteo.com Francesco Nucera- Per trovare un caso analogo bisogna risalire a fine agosto del 2002; è come se l’autunno avesse anticipato i tempi”.