Riccardo Viti, chiesto ergastolo: legò e seviziò prostituta

di redazione Blitz
Pubblicato il 30 Settembre 2015 15:41 | Ultimo aggiornamento: 30 Settembre 2015 15:42
Riccardo Viti, chiesto ergastolo: legò e seviziò prostituta

Riccardo Viti, chiesto ergastolo: legò e seviziò prostituta

FIRENZE – Condanna all’ergastolo: questa la richiesta avanzata dal pm Eligio Paolini nel corso della requisitoria al processo nei confronti di Riccardo Viti, l’idraulico fiorentino accusato di aver violentato e seviziato, fino a provocarne la morte, Andreea Cristina Zamfir, 26 anni, una prostituta romena trovata priva di vita il 5 maggio 2014 sotto un cavalcavia dell’A1 a Firenze. Viti è accusato anche di altri 5 episodi di violenza avvenuti tra il 2011 e 2014 tra Firenze e Calenzano.

Un sadico sessuale”, ma anche “un lucido calcolatore“: così il pm Eligio Paolini ha definito Riccardo Viti nel corso della sua requisitoria. “Viti sapeva che quello che faceva era pericoloso e che gli strumenti usati potevano provocare alle vittime lesioni gravissime”, ha continuato il pubblico ministero. Paolini ha poi precisato che Viti si è sempre dimostrato “estremamente lucido” poiché da un lato dichiarava al pm “di essere pentito e di trovare conforto solo nella fede” ma “contemporaneamente manipolava la situazione chiedendo l’accesso in carcere a un notaio per effettuare una permuta tra un bene da lui posseduto e un bene di valore minore, per sottrarre alle parti civili la garanzia di avere un risarcimento”.

Viti venne arrestato, e ammise subito le sue responsabilità, dopo 5 giorni di “caccia al mostro”. La prostituta romena venne trovata “crocifissa”, ovvero con le braccia legate a una staccionata tramite del nastro adesivo. Era nuda, ed era stata seviziata con un manico di scopa. I due avevano concordato una prestazione da 30 euro. Altre prostitute vittime di Viti lo ricordano come un uomo che si presentava bene, salvo rivelarsi un violento dopo averle immobilizzate. In casa di Viti venne trovato anche il suo “kit”, completo di nastro adesivi, laccetti da elettricista e lubrificante.