Rifiuti/ Bassolino rinviato a giudizio dalla Procura di Napoli: peculato e falso ideologico nelle consulenze del Commissariato di Governo nel 2001, i reati contestati

Pubblicato il 20 Luglio 2009 13:25 | Ultimo aggiornamento: 20 Luglio 2009 13:27

MI290509CUL_0015La Procura di Napoli ha chiesto il rinvio a giudizio di Antonio Bassolino, presidente della Regione Campania, per le presunte irregolarità nelle consulenze del Commissariato di Governo per l’emergenza rifiuti. Bassolino è accusato di concorso in peculato e falso ideologico.

La vicenda si riferisce al al periodo compreso tra giugno e settembre del 2001. Bassolino è imputato in concorso con l’ ex vicecommissario di governo Raffaele Vanoli e l’avvocato Enrico Soprano. Sotto la lente dei giudici l’erogazione di 154 milioni delle vecchie lire a vantaggio di Soprano che aveva avuto incarico per consulenze al Commissariato.