Roma, stazione metro Repubblica riapre dopo 264 giorni. Ma non tutte le scale mobili funzionano

di redazione Blitz
Pubblicato il 26 Giugno 2019 9:27 | Ultimo aggiornamento: 26 Giugno 2019 9:33
roma stazione metro

Roma, stazione metro Repubblica riapre dopo 264 giorni. Ma non tutte le scale mobili funzionano (foto Ansa)

ROMA – “La stazione Repubblica della metro A riaprirà domani mattina in sicurezza. Ci scusiamo per i disagi che cittadini e commercianti hanno dovuto affrontare in questi mesi a causa dei lavori straordinari di manutenzione”. Con questo tweet la sindaca di Roma Virginia Raggi, nella giornata di ieri martedì 25 giugno, ha annunciato il rinvio dell’apertura della stazione chiusa da ben 264 giorni ad oggi. Apertura che effettivamente c’è stata anche se, come lamentano i commercianti, non tutte le scale mobili della stazione funzionano. 

Per chi non conosce Roma si tratta della centralissima piazza della Repubblica che si trova accanto alla stazione Termini. La stazione chiuse lo scorso 23 ottobre dopo il crollo di una scala mobile in cui rimasero coinvolti 24 tifosi del Cska Mosca in trasferta nella Capitale. Nella giornata di martedì 25 giugno sono stati effettuati i collaudi delle scale mobili che, secondo una nota diffusa da Atac, “si sono conclusi con esito positivo”. Per effettuare la tanto attesa apertura, nella giornata di ieri mancavano quindi soltanto le operazioni di “messa in sicurezza e pulizia della stazione” che sono state svolte nella giornata e che hanno permesso alla stazione di essere di nuovo pronta ad accogliere i passeggeri alle 5.30 di oggi.

La sindaca ha provato ancora una volta a scusarsi dei disagi. L’associazione dei commercianti di zona però attacca ancora Atac e giunta  denunciando al quotidiano del Messaggero che ad essere operative saranno soltanto “quattro scale mobili su sei”.

Stefano Pedica del Pd intanto attacca e chiede che vengano risarciti i commercianti: “Le scuse non bastano, mi auguro che il Campidoglio provveda a risarcire i commercianti che in tutto questo tempo hanno dovuto sopportare enormi disagi e grandi perdite economiche”. Le perdite, secondo alcune stime si aggirano attorno al 70% in meno rispetto al volume d’affari antecedente alla chiusura. 

Anche la deputata di Forza Italia, Annagrazia Calabria, ha definito una “beffa” il mea culpa della sindaca. “Ci sono voluti 246 giorni per riaprire una fermata nodale della metropolitana di Roma, con ricadute pesantissime sulla quotidianità dei cittadini e sulle attività commerciali della zona sarebbe stato molto meglio scusarsi per la palese incapacità di questa amministrazione di governare la Capitale”.

Fonte: Il Giornale