Sarah Scazzi, Ivano: “Non sono un bugiardo”

Pubblicato il 28 Novembre 2010 21:37 | Ultimo aggiornamento: 28 Novembre 2010 21:37

”Io non sono un bugiardo assolutamente, quello che ho detto l’ho detto agli inquirenti e sono stato il piu’ chiaro possibile. Inizialmente per gioco ci siamo appartati, siamo entrati un po’ in intimita’, ma non abbiamo consumato perche’ io ci tenevo all’amicizia e ho ribadito a Sabrina questa cosa qua”. Queste le parole di Ivano Russo, il ragazzo di Avetrana conteso tra Sabrina Misseri e Sarah Scazzi, in un’intervista a Massimo Giletti in onda durante Domenica In-L’Arena su Rai1.

”Quella serata ci siamo appartati ed era di notte, era scuro quindi non sono andato a vedere le sue particolarita’ intime”, ha aggiunto Ivano rispondendo alla smentita di Sabrina Misseri che dal carcere di Taranto nei giorni scorsi aveva smentito Ivano invitandolo a citare un suo segno particolare per dimostrare quanto da lui riferito agli inquirenti circa gli accadimenti di quella notte.

In merito alla gelosia di Sabrina nei suoi confronti, probabile movente dell’omicidio di Sarah, Ivano Russo ha tenuto a ricordare: ”Chi ha avuto a che fare con Sarah sa che e’ una ragazza molto taciturna, parla pochissimo, e’ molto timida, per fidarsi di una persona ce ne voleva. Io ho sempre pensato che Sarah soffriva del fatto che a casa sua aveva lontano la figura maschile e magari la andava a cercare in altre persone come potevo essere io. Non ho mai avuto un interesse per Sarah di altro tipo perche’ il diario, soprattutto per una ragazza di 15 anni, e’ una cosa molto intima e personale, quindi se ci fosse stata una cosa tra me e Sarah lo avrebbe scritto. Il fatto che avesse scritto ‘magari avessi un ragazzo come Ivano’, vuol dire che lei sperava in un prossimo futuro di avere un ragazzo che rispecchiasse molto la mia persona, perche’ non si parla di aspetto fisico ma di persona”.