Soleminis (Cagliari), uccide il padre a coltellate e si costituisce

di redazione Blitz
Pubblicato il 6 luglio 2018 23:21 | Ultimo aggiornamento: 7 luglio 2018 0:15
Solemins (Cagliari), uccide il padre a coltellate e si costituisce

Solemins (Cagliari), uccide il padre a coltellate e si costituisce

CAGLIARI  –  Omicidio a Soleminis, nel sud della Sardegna, a venti chilometri circa da Cagliari. Un giovane di 20 anni, Matteo Carboni si è costituito alle forze dell’ordine dopo aver ucciso, secondo quanto riferisce l’agenzia Ansa, il padre, Valentino Carboni, di 52 anni. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] Al momento non si conoscono i contorni della vicenda, sul posto stanno operando i militari della Guardia di finanza di Cagliari, la squadra mobile e il Commissariato di Quartu.

Padre e figlio, da quanto scrive l’Ansa, avrebbero avuto una discussione. In preda alla rabbia il giovane avrebbe impugnato un cacciavite o un coltello, sferrando alcuni fendenti contro il genitore, uccidendolo.

Sarebbe stato lui stesso a chiamare poi le forze dell’ordine per confessare e consegnarsi. Il suo tentativo però è andato a vuoto. Sul posto infatti sono intervenuti subito un militare della Guardia di finanza e un poliziotto che abitano in zona, allarmati dalle urla dei familiari scappati fuori dall’abitazione. Il giovane avrebbe atteso in casa l’arrivo di militari e agenti, consegnandosi.

Il ventenne, da quanto si apprende, avrebbe problemi psichici ed era seguito dal Comune. “Tutta la comunità è sconvolta – dice all’Ansa la sindaca di Soleminis Rita Puddu – conosco bene la famiglia. Il ragazzo era seguito dai servizi sociali, faceva dei piccoli lavoretti, scriveva poesie. Sono molto addolorata, l’amministrazione comunale sarà vicina alla famiglia”.