Stefano Cucchi, agenti assolti. Tolta assoluzione ai medici

di Redazione Blitz
Pubblicato il 15 Dicembre 2015 22:29 | Ultimo aggiornamento: 16 Dicembre 2015 12:47
Stefano Cucchi, agenti assolti. Tolta assoluzione ai medici

Stefano Cucchi

ROMA – Per la morte di Stefano Cucchi, arrestato il 15 ottobre 2009 e deceduto dopo una settimana all’ospedale Pertini di Roma, la Cassazione ha annullato l’assoluzione di 5 medici, disponendo un appello-bis per omicidio colposo. Definitivamente assolti tre agenti della polizia penitenziaria, tre infermieri del “Pertini” e un sesto medico.

Ora la Corte d’assise d’appello di Roma dovrà riesaminare, solo per l’accusa di omicidio colposo, la responsabilità del primario del reparto protetto del Pertini Aldo Fierro e quella dei medici Stefania Corbi, Flaminia Bruno, Luigi De Marchis e Silvia Di Carlo. E’ definitiva, invece, l’assoluzione della dottoressa Rosita Caponetti. La Suprema corte inoltre ha confermato le assoluzioni di 3 infermieri e di 3 agenti della penitenziaria e preso atto del ritiro di un ricorso della parte civile.

I medici dunque “colpevoli” e gli agenti “innocenti”. Si tratta di coloro che si occuparono di Stefano Cucchi prima della sua morte: il procuratore generale della Cassazione Nello Rossi ha chiesto e quindi ottenuto l’annullamento con rinvio dell’assoluzione di cinque medici prosciolti in appello nel processo per la morte di Stefano Cucchi.

Il pg aveva chiesto che venisse confermata l’assoluzione di tre agenti di polizia penitenziaria. In particolare il pg Rossi ha chiesto un nuovo processo per i medici del Pertini Aldo Fierro, Stefania Corbi, Flaminia Bruno, Luigi De Marchis e Silvia Di Carlo in accoglimento del ricorso del pg di Roma Mario Remus in relazione all’accusa di omicidio colposo. Confermata invece l’assoluzione della dottoressa Rosita Caponetti già prosciolta per falso ideologico. Ad avviso del pg i cinque annullamenti con rinvio sono gli unici annullamenti possibili in base ai motivi di ricorso presentati dal pg.