Torino, Andrea Soldi morto dopo Tso. Sorella: “Fiducia Magistratura nulla venga insabbiato”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 8 agosto 2015 14:23 | Ultimo aggiornamento: 8 agosto 2015 14:23
Torino, Andrea Soldi morto dopo Tso. Sorella: "Fiducia Magistratura nulla venga insabbiato"

Torino, Andrea Soldi morto dopo Tso. Sorella: “Fiducia Magistratura nulla venga insabbiato”

TORINO – “Abbiamo grande fiducia nella magistratura e in Guariniello, vogliamo che sia fatta luce su questa vicenda e nulla venga insabbiato”. Lo ha detto Maria Cristina Soldi, la sorella del 45enne Andrea Soldi, morto mercoledì 5 agosto in ospedale a Torino per motivi ancora da accertare, dopo che era stato ricoverato per un Tso, il trattamento sanitario obbligatorio.

“Mio fratello era schizofrenico ma buono – aggiunge la donna, che stamattina era in Procura insieme al padre e al cugino avvocato Giovanni Maria Soldi – in passato aveva fatto altri Tso, ma non era mai successo nulla”. Nel primo pomeriggio di mercoledì  l’uomo, secondo quanto.riferito dalla polizia municipale, avrebbe dato in escandescenza in una piazza cittadina. A quel punto il Centro di Salute mentale dell’Asl 2 ha richiesto il ricovero per Tso e l’intervento degli agenti, che hanno costretto il 45enne a entrare nell’ambulanza; quindi il trasporto in ospedale e il ricovero. Circa due ore dopo il decesso, la cui causa sara’ chiarita soltanto dall’esame autoptico e tossicologico, previsto per lunedi’ 10 agosto.

E i familiari di Soldi, sono stati contattati anche dal sindaco di Torino Piero Fassino. “Se verranno rilevate delle responsabilità personali – ha detto il primo cittadino – queste dovranno essere perseguite con rigore e con la massima severità”. Intanto, fanno sapere dal Comune, il comandante della polizia municipale Alberto Gregnanini “ha promosso un approfondimento sulle modalità dettagliate dell’intervento di mercoledì e ha disposto, in via prudenziale, l’assegnazione dei tre agenti coinvolti a servizi non operativi”.