Trento, animalisti contro la sagra del coniglio: “Quei giochi sono vietati”

di redazione Blitz
Pubblicato il 6 settembre 2014 16:52 | Ultimo aggiornamento: 6 settembre 2014 16:52
Trento, animalisti contro la sagra del coniglio: "Quei giochi sono vietati"

Trento, animalisti contro la sagra del coniglio: “Quei giochi sono vietati”

TRENTO – La sagra di San Giovanni a Saone, piccola frazione in provincia di Trento, è allietata da abbondanti porzioni di polenta e coniglio ma soprattutto da un gioco tradizionale che però fa storcere il naso agli animalisti.

In pratica i conigli (vivi) corrono fino a raggiungere la tana. Chi azzecca il numero della tana che il coniglio su cui si è puntato raggiunge, vince. E vince proprio l’animale, sia che lo allevi in casa, sia che lo metta in pentola.

Secondo gli animalisti, che hanno organizzato un blitz, il gioco non sarebbe lecito e tirano in ballo una legge che vieta giochi con gli animali da affezione. Ma gli organizzatori della sagra sostengono che il coniglio sia un animale da ingrasso, quindi il gioco si può fare.

Morale: la sagra c’è stata, con tanto di gioco con i conigli, e la festa è finita con la polenta servita anche al sindaco che ha partecipato insieme a tutta la giunta. Con buona pace degli animalisti.