Funerale John McCain, guardia d’onore impassibile sotto la pioggia per il senatore

di Redazione Blitz
Pubblicato il 4 Settembre 2018 5:30 | Ultimo aggiornamento: 3 Settembre 2018 20:13

Funerale John McCain, guardia d’onore impassibile sotto la pioggia per il senatore

WASHINGTON – Un fenomeno straordinario, testimoniato da centinaia di giornalisti e migliaia di persone. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] Se fosse stato riferito dal passato, da uno storico romano ad esempio, si penserebbe al mito. Invece è cronaca, come racconta Andrew Desiderio sul Daily Beast.

Nel momento in cui è arrivato il feretro di McCain, la cerimonia ha assunto un carattere quasi cinematografico: mentre la bara avvolta dalla bandiera USA veniva trasportata  all’interno del Campidoglio da una guardia d’onore militare, da una nuvola che si trovava proprio sopra l’edificio è iniziata a cadere la pioggia. Improvvisamente, mentre sul resto della città splendeva il sole, su quel punto pioveva a dirotto.

La guardia d’onore è rimasta impassibile, ha continuato a camminare e ha posizionato il feretro di MacCain sullo stesso catafalco nero in cui il 20 aprile 1865 fu posta la bara del presidente Abramo Lincoln. Il feretro di McCain era al centro della grande stanza in cui il senatore ha camminato migliaia di volte: dalla mattina presto fino a tarda sera proponeva accordi su leggi importanti, cercava di superare le divisioni che negli anni recenti hanno afflitto il Congresso, e lungo il cammino stretto amicizie per la vita.

Quasi tutti i senatori, la famiglia e lo staff di McCain, oltre 100 funzionari stranieri e membri del corpo diplomatico, i funzionari dell’amministrazione Trump, il presidente era peraltro assente, e gli ex legislatori si sono radunati all’interno della Rotonda: McCain è stato il tredicesimo senatore esposto nel Campidoglio degli Stati Uniti e a ricevere un simile onore.

All’esterno, nonostante il caldo, migliaia di persone sono rimaste in attesa per rendere omaggio al defunto senatore ed eroe di guerra in Vietnam. Dopo la diagnosi di cancro al cervello, 14 mesi fa, da dicembre McCain non era più tornato a Washington. Prima di partire per l’Arizona ad alcuni colleghi aveva detto che sapeva sarebbe stata l’ultima volta che avrebbe camminato per le sale del Senato, dove è stato presente per 31 anni. Negli ultimi mesi, molti degli amici e colleghi più cari andavano a trovarlo in Arizona per un ultimo saluto.