Argentina. Nonna 91enne fa 1.200 km a piedi da estremo nord a Buenos Aires

Pubblicato il 20 Marzo 2015 10:04 | Ultimo aggiornamento: 20 Marzo 2015 10:04
Emma Morosini

Emma Morosini

ARGENTINA, BUENOS AIRES – Curiosità e grande ammirazione ha suscitato Emma Morosini, una nonna di 91 anni, lombarda, giunta nella località di Lujan, a Buenos Aires, dopo aver fatto a piedi 1.200 km dall’estremo nord dell’ Argentina.

Partita lo scorso 27 dicembre dalla provincia di Tucuman, Emma ha raggiunto Lujan, sede di un celebre santuario mariano, dopo 82 giorni. “Accompagnata solo – riferiscono i media – da un piccolo trolley con qualche borsa, acqua, pane e latte, e indossando un cappellino e un giubbotto catarifrangente arancione con sulle spalle ritratta l’immagine del Papa”.

La “Nonna pellegrina”, come viene chiamata dalle reti sociali, è stata accolta a braccia aperte nei villaggi dove di volta in volta veniva ospitata nelle case di famiglia per passare la notte. E giovedi, proprio in vista del suo arrivo a Lujan, la “Abuela peregrina” ha attirato l’attenzione dei siti web e tv argentine. Ad aspettarla davanti alla basilica della città, dove è stata celebrata una messa, c’erano i suoi tanti ‘fan’ conquistati grazie a quella che sembrava “una missione impossibile” mentre invece, afferma per esempio il quotidiano Clarin, “la nonna è riuscita a compiere il suo sogno”.

Qualche giorno fa la ‘abuela italiana’ ha subito un contrattempo, subito superato: è caduta ed è stata ricoverata in una clinica della località di San Andres de Giles. Accertate le sue condizioni, e nonostante un braccio fasciato, ha ripreso la sua strada. “Eccomi qua, ho mantenuto la promessa. Sono felice camminando. Perchè lo faccio? Per i giovani e per la pace”, ha detto dopo essere stata ricevuta dal sindaco di Lujan, Oscar Luciani.

Ora, Emma è pronta per un altra camminata, che questa volta la porterà a Roma: il 22 aprile, ha infatti detto all’Agenzia cattolica argentina, sarà ricevuta dal Papa in Vaticano. Negli anni scorsi, Emma aveva già raggiunto a piedi i santuari di diversi Paesi (dalla Polonia al Portogallo) dedicati alla Madonna, e qualche anno fa ha anche pubblicato un libro: “Pellegrina d’eccezione, 1.300 chilometri a piedi”.