Bombardamento centro commerciale Kiev, Russia si difende: “Era un deposito di armi e razzi”

La versione dei russi, il centro commerciale di Kiev sarebbe stato bombardato perché sarebbe stato un deposito di armi e razzi.

di Redazione Blitz
Pubblicato il 21 Marzo 2022 - 17:29 OLTRE 6 MESI FA
Bombardamento centro commerciale Kiev, Russia si difende: "Era un deposito di armi e razzi"

Bombardamento centro commerciale Kiev, Russia si difende: “Era un deposito di armi e razzi” (foto Ansa)

Il bombardamento del centro commerciale di Kiev da parte dei russi ha indignato tutto il mondo. Ma il governo russo prova a difendersi: “Lo abbiamo bombardato perché era un deposito di armi e razzi“. Nel frattempo, le relazione diplomatiche tra Stati Uniti e Russia si fanno tese per delle dichiarazioni rilasciate dal presidente Biden (ha definito Putin “un criminale di guerra e un dittatore assassino”).

La difesa della Russia dopo il bombardamento del centro commerciale di Kiev: “Era un deposito di armi e razzi”

Mosca si difende dopo il clamore suscitato dal bombardamento del centro commerciale a Kiev.  Secondo  il portavoce del ministero della difesa russo Igor Konashenkov, come riporta la Tass, all’interno dell’edificio si mascondeva una batteria di sistemi multipli di lanciamissili e un deposito di munizioni.

“Nascondendosi dietro i quartieri di abitazione nel sobborgo di Kiev di Vinogradar, le unità nazionaliste ucraine hanno condotto per diversi giorni il fuoco di missili lanciatori multipli contro i militari russi”, ha detto.

Secondo Konashenkov, il centro commerciale è stato usato come deposito di munizioni e missili.

Biden dice che Putin è un dittatore assassino, rapporti ai minimi storici tra Stati Uniti e Russia

Relazioni Usa-Russia in un momento delicato. Il ministero degli Esteri russo ha convocato l’ambasciatore americano John Sullivan e gli ha consegnato una nota di protesta contro i commenti “inaccettabili” di Joe Biden sul presidente russo Vladimir Putin, definito “criminale di guerra” e “dittatore assassino”.

Lo riportano alcuni media americani, fra i quali Cnbc e l’agenzia Bloomberg. Secondo la Russia, le parole del presidente Usa potrebbero causare una rottura dei rapporti con gli Stati Uniti.

Guerra in Ucraina, più di 3000 vittime tra i civili nella città di Mariupol

La situazione dalle città si fa sempre più difficile. Il bilancio delle vittime tra i civili nella città di Mariupol ha raggiunto oltre 3.000 persone. 

Lo afferma il comandante del distaccamento di Azov, il maggiore Denys Prokopenko in un commento alla Cnn, come riporta anche Ukrinform. “Il bilancio delle vittime tra i civili cresce ogni giorno e ora supera le 3.000 persone.

Ma nessuno può dire il numero esatto dei morti, poiché le persone vengono sepolte in fosse comuni, senza nome. Molti cadaveri restano insepolti per le strade. Alcune persone rimangono intrappolate sotto le macerie, sepolte vive”, ha detto Prokopenko.

Guerra in Ucraina, Kiev ha annunciato un nuovo coprifuoco 

Il sindaco di Kiev ha annunciato un nuovo coprifuoco nella capitale e nella regione di 35 ore, da stasera a mercoledì mattina: durerà fino alle 7:00 di mercoledì 23 marzo.

“Chiedo a tutti di rimanere a casa o nei rifugi”, scrive il sindaco Vitali Klitschko su Telegram. Potrà circolare in città solo di dispone di permessi speciali.