Killer collega dei reporter: “Lei assunta al posto mio”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 26 Agosto 2015 19:36 | Ultimo aggiornamento: 26 Agosto 2015 21:31
Bryce Williams: killer, collega delle vittime, mania social

Bryce Williams: killer, collega delle vittime, mania social

ROMA – “Alison ha fatto commenti razzisti ed è stata comunque assunta?”. Assunta lei, inteso, e lui no. Lui era stato licenziato. Lui è Bryce Williams, 41 anni, il giornalista che ha ucciso in diretta tv due giovani ex colleghi durante un collegamento.

Williams si è sparato dopo un inseguimento ed è morto in ospedale.

Era già stato allontanato da un posto di lavoro perché minacciava i colleghi, e anche lì si era lamentato di presunti insulti razzisti.

Una vendetta a freddo, anche stavolta per presunti insulti razzisti. Secondo la sua pagina Linkedin, Williams, il cui vero nome è Vester Lee Flanagan, ha lavorato presso la stessa emittente delle sue vittime, Alison Parker e Adam Ward, dal marzo del 2012 al febbraio del 2013. La Wdbj7.

Williams ha studiato giornalismo alla San Francisco State University e ha poi avuto numerose esperienze lavorative, non solo nel settore dell’informazione. Per esempio 15 anni aveva fatto parte dell’unità investigativa della Bank of America: “Ho gestito con successo più di 100 richieste al giorno!”, scriveva.

Prima ancora aveva lavorato alla tv della Florida Wtwc-Tv: secondo alcuni siti americani alla fine Williams sarebbe stato licenziato e anche lì si sarebbe più volte lamentato del razzismo dei colleghi. Un nervo scoperto.

Faceva un uso massiccio dei social network: era su Linkedin, su Facebook aveva anche un profilo pubblico, chiuso qualche minuto dopo quello privato. E poi Twitter. Proprio sui social ha diffuso il filmato del doppio omicidio in diretta, video poi rimosso dai social nella sua cruenta versione integrale.