Moglie sorprende il marito al letto con la madre: ora i due rischiano 20 anni

di Redazione Blitz
Pubblicato il 1 Settembre 2020 11:56 | Ultimo aggiornamento: 1 Settembre 2020 11:56
Donna sorprende il marito al letto con la suocera: madre e figlio rischiano 20 anni

Donna sorprende il marito al letto con la suocera: madre e figlio rischiano 20 anni (Foto Ansa)

Una moglie sorprende la suocera mentre ha un rapporto con il marito. Ora madre e figlio rischiano 20 anni di carcere per incesto.

“Ho sorpreso mia suocera mentre aveva un rapporto con mio marito”. Questo il racconto di una donna di Fitchburg in Massachusetts. Lei si chiama Lori Lavoie e racconta di essere rientrate in casa e appena nel salotto ha scoperto il marito Tony di 42 anni e sua mamma Cheryl di 63 mentre, senza vestiti, mentre stavano avendo un rapporto sul divano.

Ora madre e figlio rischiano 20 anni di carcere per incesto. Tony, incalzato dalla polizia ha spiegato che dopo aver iniziato a baciarsi mentre giocavano a un videogioco, lui e la madre si sono spogliati e hanno consumato il rapporto. Secondo l’uomo sarebbe stata la prima volta. I due però sono finiti in tribunale e ora rischiano, se condannati, fino a 20 di carcere.

Iscrive la suocera a un sito di escort

Tempo fa una donna invece voleva far terminare la relazione fra il suocero e la sua nuova compagna, molto più giovane di lui, quindi l’iscrizione della suocera sul sito di escort. Tutto era successo a Gattatico, Reggio Emilia.

Per farlo aveva preso le sue foto da Instagram e l’aveva iscritta a un sito di escort. La vittima, però, aveva denunciato tutto ai carabinieri che, in provincia di Reggio Emilia, avevano denunciato l’autrice della macchinazione, una donna di 40 anni.

Dopo l’iscrizione, aveva fatto vedere al marito (che l’aveva prontamente riferito al padre) che la sua nuova ‘matrigna’ era iscritta a un sito di escort.

Quando l’uomo aveva chiesto conto del fatto alla sua compagna, una casalinga di 37 anni, lei si era rivolta ai carabinieri di Gattatico che avevano scoperto quello che era successo, denunciando per diffamazione l’autrice del furto d’identità. (Fonte Il Fatto Quotidiano).