Empire State Building sarà quotato in Borsa. Ok all’Ipo

Pubblicato il 5 Giugno 2013 6:00 | Ultimo aggiornamento: 4 Giugno 2013 20:14
Empire State Building

Empire State Building sarà quotato in Borsa

NEW YORK – Empire State Building sarà quotato in Borsa. Ok all’Ipo. L’Empire State Building verso Wall Street: il grattacielo simbolo di New York incassa i voti necessari per procedere allo sbarco in Borsa, in quella che sarà la seconda initial public offering (Ipo) americana nel real estate. L’obiettivo è quello di raccogliere un miliardo di dollari, con la quotazione della nuova società Empire State Realty Trust nella quale oltre all’Empire confluiranno altri 18 edifici. La svolta nelle sorti dell’edificio arriva nel giorno in cui trapelano le difficoltà di altri grattacieli simbolo di New York: si tratta del World Trade Center che, a dodici anni dagli attacchi dell’11 settembre, è ormai completato.

All’appello però mancano gli affittuari, soprattutto le banche di Wall Street che occupavano la gran parte delle Torri Gemelle. La famiglia Malkin, alla quale fa capo l’Empire State Building, ha incassato i voti necessari per procedere all’Ipo. In base a quanto comunicato dalla famiglia, l’80% degli azionisti si è detto d’accordo alla creazione di un fondo nel quale far confluire l’Empire State Building e altri edifici, aggiudicandosi un’importante vittoria dopo mesi di battaglia, anche legale, con una parte dei 2.800 azionisti del grattacielo, contrari a rinunciare a una parte della storia della città. Il piano e’ infatti stato duramente criticato perché – secondo alcuni – garantisce alla famiglia Malkin una fetta importante nella nuova società a scapito degli altri azionisti.

Altri invece ritengono che la creazione di una nuova società e la sua successiva quotazione garantiranno una migliore gestione delle proprietà immobiliari, incluso l’Empire State Building, eliminando l’esistente struttura di comando bizantina.